Un'ordinanza per la bonifica tra il torrente Piomba e il fiume Saline

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

942

CITTA' SANT'ANGELO (PE). Dopo le ripetute e continue richieste dei proprietari è arrivata la risposta positiva. Il sindaco di Città Sant'Angelo Graziano Gabriele ha emesso un'ordinanza, di concerto con i Carabinieri, per i proprietari delle ex masserie e dei locali ricettivi dell'ex Camping Sant'Angelo.
La zona, compresa tra il torrente Piomba e il fiume Saline, è divenuta punto d'incontro di persone dedite alla prostituzione maschile, guardoni, e piccoli delinquenti che approfittano delle strutture presenti.
I proprietari dovranno procedere entro trenta giorni alla completa pulizia e bonifica dei terreni e delle strutture, alla chiusura ed alla recinzione delle varie proprietà, in modo da impedire l'accesso ad animali, accattoni e vagabondi.
L'ordinanza segue numerose richieste, rimaste più volte senza risposta, da parte delle autorità.
I terreni, da anni incolti, sono un pericolo per le condizioni igienico-sanitarie di tutta la frazione, per la presenza di animali randagi, insetti ed il rischio di incendi, soprattutto con l'arrivo della stagione estiva.
Nelle masserie trovano tuttora rifugio cittadini extracomunitari che spesso, nelle ore notturne, importunano gli automobilisti di passaggio al vicino semaforo di Marina di Città Sant'Angelo o danno vita, in preda agli effetti dell'alcool, a risse e pestaggi tra extracomunitari.
In un sopralluogo effettuato dalla Polizia Municipale sono stati trovati chiari ed inequivocabili segni della presenza di individui nelle strutture, oltre a rifiuti di ogni genere ammassati in una vera discarica a cielo aperto.



04/05/2007 9.33