Il Consorzio Colline Teramane cambia volto e punta sui giovani

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1153

TERAMO. Il consorzio si apre ai volti nuovi dell’enologia abruzzese e dopo il primo triennio dalla nascita delle Colline Tramane, in cui il timone del consorzio é stato nelle mani dei “senatori” Dino Illuminati e Camillo Montori, oggi, proprio su loro iniziativa e volontà, si è voluta dare una svolta generazionale nella composizione della nuova classe dirigente.
Il nuovo presidente è Alessandro Nicodemi, 35 anni, romano di nascita ma abruzzese e teramano di adozione, una laurea in Economia e Commercio, un trascorso da Ufficiale della Guardia di Finanza, oggi attivamente impegnato nell'azienda vitivinicola di famiglia.Al suo fianco completano il nuovo direttivo il Vice Presidente, Livo Claudio Consorti, noto imprenditore con la passione del vino, già presidente della storica Cantina Colonnella, ed i consiglieri: Gaspare Lepore; Gianluca Galasso, Caterina Cornacchia, Laura Montori, Gaetano D'Aristotile, Enrico Cerulli ed Alberto Pompili.
«I nostri associati si aspettano molto da questa nuova e giovane squadra e sappiamo che ci attenderanno sfide importanti nelle quali dimostrare la nostra capacità, credibilità ed affidabilità», ha commentato il neoeletto Alessandro Nicodemi annunciando i primi impegni della sua presidenza: ottenimento dell'Erga Omnes, ovvero il riconoscimento ministeriale che affida direttamente al Consorzio le funzioni di controllo e vigilanza su tutta la filiera di produzione e su tutte le aziende socie e non socie; valorizzazione del marchio Colline Tramane, che si cercherà di ottenere con operazioni mirate di promozione e comunicazione al servizio di tutte le aziende, proseguendo quindi la strada tracciata dal precedente direttivo, e creando importanti e proficui rapporti con gli operatori dell'enogastronomia regionale; sinergia e intesa con gli enti istituzionali presenti sul territorio, dall'Assessorato Regionale alla Provincia, dalla Camera di Commercio all'Università, dal Consorzio di Tutela dei Vini d'Abruzzo all'Enoteca Regionale.
28/04/2007 11.32