Da maggio un tavolo di concertazione per stabilizzare i precari della Provincia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

707

L’AQUILA. Parte da maggio la campagna della Provincia dell’Aquila per stabilizzare i lavoratori precari e quelli con contratti atipici all’interno dello stesso Ente. Questo quanto annunciato dalla presidente della Provincia dell’Aquila, Stefania Pezzopane, che entro i primi giorni di maggio, aprirà un tavolo di concertazione con le Organizzazioni sindacali, sulla base delle indicazioni fornite dalla legge finanziaria 2007.
Un'operazione che giunge dopo l'approvazione del Consiglio provinciale, nei mesi scorsi, di ordine del giorno in si impegnava la giunta a mettere in atto le azioni necessarie a regolarizzare i lavoratori con contratti atipici.
Il “progetto occupazione”, voluto dalla Provincia, prevede pertanto alcuni passaggi fondamentali.
Stabilizzare, compatibilmente con le necessità previste dalla pianta organica dell'Ente, il personale a tempo determinato che possiede il requisito dei tre anni al 29 settembre 2006, richiesto della legge finanziaria o che lo acquisirà in seguito. Trasformare i contratti di collaborazione in assunzioni a tempo determinato, compatibilmente con le risorse finanziarie dell'ente e i trasferimenti del governo centrale; valorizzare le risorse interne attraverso progressioni verticali e riservare una possibilità di inserimento anche per i giovani neo laureati.
«La finanziaria del governo Prodi- ha commentato la presidente Pezzopane- ha aperto la strada per stabilizzare i giovani con contratti atipici. Una strategia, quella della lotta al precariato, che coincide con nostro programma, incentrato sul lavoro».
Duplice dunque l'obiettivo della Provincia, che con questa operazione si propone di combattere l'impiego distorto di forme di lavoro flessibile, offrendo un'opportunità di lavoro stabile ai dipendenti dell'Ente e al tempo stesso di soddisfare la necessità di professionalità dell'Amministrazione.
«Credo che la precarietà non si sposi con l'efficienza e le esigenze di ammodernamento della Pubblica Amministrazione - ha concluso la presidente- Siamo tra le prime Province ad aprire una fase di concertazione con i sindacati sul tema della stabilizzazione dei contratti atipici all'interno del nostro ente, sfruttando un'opportunità che ci è stata offerta dal governo».

26/04/2007 8.51