Inquinamento Caldari, sopralluogo del commissario straordinario

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

829

ORTONA (CH). Il segretario della Sezione dei Ds di Caldari e delle Ville di Ortona, Franco Cellucci, ha avuto un incontro con il Commissario Straordinario del Comune di Ortona Vincenzo De Vivo. «L'ex sindaco Fratino», dichiara oggi Cellucci, «ha lasciato una città allo sbando, senza aver mai decisamente affrontato e risolto la questione inquinamento a Caldari e in altre Ville del nostro Comune».
«Nonostante le diffide ottenute dalla Sezione dei Ds, prosegue il lavoro, con sistematica ed irregolare furtività, di una azienda del luogo che sino ad ora ha giocato sul ricatto occupazionale e sulle minacce di licenziamenti per continuare a nuocere alla salute della collettività, a danneggiare le coltivazioni lungo i corsi d'acqua, a determinare morie di pesce e di altri animali ed anche a danneggiare il mare stesso».
Tutte cose già denunciate da Franco Cellucci e che avevano portato, sulla base di accertamenti eseguiti dalla Provincia di Chieti e dall'Agenzia regionale all'ambiente (ARTA), ad una prima sospensiva di un impianto di una delle ditte di Caldari. A questa diffida era seguita una richiesta di proroga alla definitiva chiusura, allo scopo di non mettere in difficoltà l' importante azienda.
«Nonostante questi provvedimenti», continua Cellucci, «l'inquinamento è proseguito ed è anche decisamente aumentato rispetto ai primi anni di produzione».
Si è tenuto così «il fruttuoso» incontro alla presenza dell'ingegner De Fabritiis della Provincia di Chieti, del dottor Pagliani del Mario Negri Sud, del segretario Cellucci, dell'architetto del Comune Giordano e del Comandante del corpo dei Vigili Urbani del Comune Benito Profeta.
«Sotto la guida del Commissario Di Vivo», spiega Cellucci, «la situazione è stata analizzata in clima di serenità e di operatività. Si va adesso verso una conferenza di servizio dove i tantissimi aspetti della vicenda verranno valutati e soppesati collettivamente dalle autorità per i provvedimenti del caso.
14/04/2007 12.06