Sequestrato villaggio turistico, amministratore comunale e tecnici nei guai

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

840

ISOLA DEL GRAN SASSO (TE). E' stato sequestrato ieri dal Corpo Forestale, su disposizione del gip del Tribunale di Teramo, che ha accolto la richiesta della Procura della Repubblica, una grande struttura ricettiva di svariate stanze, di un ristorante e relativo parco attrezzato e quant'altro utile per creare un vero e proprio villaggio turistico ad Isola del Gran Sasso e Monti della Laga.

La struttura, da quanto riferisce la Forestale, si trova «in un'area di grande pregio naturalistico e paesaggistico senza le dovute autorizzazioni».
La ditta di costruzioni di Isola responsabile degli abusi sarebbe riconducibile ad un imprenditore che assume anche un incarico all'interno dell'amministrazione comunale e proprio il suo ruolo avrebbe aiutato la realizzazione del grande complesso turistico lì dove non era possibile.
Risultano infatti indagati insieme a lui un funzionario del comune di Isola, per abuso d'ufficio ed il tecnico progettista per falso. Ma come procedevano?
« L'intenzione - sempre secondo il Corpo Forestale – era quella di realizzare in zona agricola una country house che fungesse da centro propulsore di altre iniziative di sfruttamento della zona».
L'attività, organizzata nei minimi dettagli, poteva rivelarsi un investimento molto redditizio. «Attraverso una serie di false rappresentazioni della realtà preesistente», spiegano gli inquirenti, « gli indagati avrebbero trovato le condizioni per utilizzare le specifiche norme regionali sulle residenze di campagna, utili, però, a trasformare i vecchi cascinali in strutture ricettive nel rispetto dell'architettura e dello stato dei luoghi».
Per la realizzazione delle opere, oltre ai falsi, sarebbero state saltate completamente l'autorizzazione del Parco e la valutazione d'incidenza, previste la zona.
Sono nove i capi di imputazione a carico degli indagati, che dovranno rispondere all'autorità giudiziaria anche di altri abusi, anch'essi sottoposti a sequestro con diversi procedimenti, commessi nelle aree contigue alla struttura principale che appaiono elementi di un unico disegno di sfruttamento del territorio.
30/03/2007 9.14