ATR. L’azienda: cassa integrazione utilizzata solo per 22 addetti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

999

COLONNELLA. Sulla situazione e sulle prospettive dell’ATR di Colonnella si è svolto questa mattina, in Provincia, un incontro interlocutorio tra i sindacati e la proprietà coordinato dal servizio relazioni industriali dell’ente.
I rappresentanti dell'azienda hanno riferito che, grazie ad un incremento delle commesse, finora sono stati posti in cassa integrazione solo 22 addetti rispetto al numero massimo di 143 lavoratori utilizzabile in base all'accordo siglato a dicembre. L'incremento delle commesse, secondo quanto riferito dalla proprietà, è avvenuto sia nel settore automobilistico e della componentistica sia in quello aerospaziale.
I sindacati hanno sottolineato la volontà di seguire con la massima attenzione l'evolversi della situazione. Il presidente Ernino D'Agostino, intervenuto all'incontro, ha confermato da parte dell'ente il massimo interesse per le vicende e le prospettive del gruppo ATR, peraltro portate all'attenzione del tavolo del Ministero dello Sviluppo economico su iniziativa della Provincia.
«Continueremo – ha detto in particolare il presidente D'Agostino - a seguire con determinazione, e adottando tutte le iniziative istituzionali necessarie, l'iter riguardante l'attivazione da parte del Cipe e del Ministero del fondo nazionale di garanzia per un importo di 5 milioni di euro. Il fondo rappresenta infatti uno strumento essenziale per sostenere la fase di risanamento e di rilancio del gruppo».
All'incontro hanno partecipato tra gli altri: il Servizio Relazioni Industriali dell'Ente, rappresentato dal responsabile Paolo Rota e da Pierluigi Babbicola; il responsabile delle Risorse umane Fabio Bonfigli per l'Atr; Giuseppe Izzi, dell'Unione degli Industriali di Ascoli Piceno; Luca Scipioni per l'Unione industriali della Provincia di Teramo; i sindacati rappresentati da Franco Di Ventura della Fiom Cgil, Gianni Di Cesare della segreteria regionale CGIL, Antonio Liberatori della Fim Cisl, Gianluca Di Girolamo della Uilm-Uil, le Rsu aziendali.

26/03/2007 15.26