Avezzano. Chierici si baciano a messa. Verità gonfiata?

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

5776

AGGIORNAMENTO (12.40) AVEZZANO (AQ). Un finale di messa così forse non si era mai visto. Eppure qualche pomeriggio fa ad Avezzano, poco dopo le 17 nel santuario della Madonna della Pietraquaria si sarebbe consumato quello che già qualcuno in paese definisce uno scandalo.




AGGIORNAMENTO (12.40)


AVEZZANO (AQ). Un finale di messa così forse non si era mai visto. Eppure qualche pomeriggio fa ad Avezzano, poco dopo le 17 nel santuario della Madonna della Pietraquaria si sarebbe consumato quello che già qualcuno in paese definisce uno scandalo.

La preghiera vespertina dei fedeli stava per terminare, padre Olivo era intento a celebrare la funzione secondo tutti i più scrupolosi crismi religiosi quando sul pulpito è salito uno dei due chierichetti che aiutano il sacerdote nella messa: «ringrazio il parroco per avermi dato questa possibilità», avrebbe detto il giovane, «poter fare gli auguri al mio amico».
Passo deciso, nessuna titubanza: il ragazzo si sarebbe avvicinato all'amico è gli avrebbe stampato un bel bacio sulle labbra.
Attoniti i fedeli, qualcuno si è lasciato andare ad un segno della croce, qualcun altro ha pensato ad una semplice burla, altri hanno abbandonato la funzione
religiosa come segno di disapprovazione.
Ma non solo, il gesto sarebbe stato accompagnato anche da un "ti amo" scandito dal baciatore all'amico. Anche a volerli cercare con il lanternino è difficile scovare dubbi in questa vicenda rilanciata questo pomeriggio dalla agenzia Agi e che sta già facendo il giro del Paese su tutti i giornali.
Una vera e propria dichiarazione d'amore, quindi, che i frati del convento avrebbero scambiato per semplice gesto di fratellanza e alcuni non si sarebbero nemmeno accorti del bacio.
E quando il parroco ha ripreso la funzione i due sarebbero rimasti abbracciati ancora per un po', tra gli sguardi stupefatti dei più irritati.
Dei due giovanotti non si sa molto, ma i fedeli avrebbero raccontato che non sono della zona. Sono due ragazzi giunti da qualche tempo ad Avezzano ma nessuno sa dire di più su chi siano e se il loro gesto sia stato solo una provocazione o un gesto per manifestare il loro orientamento sessuale.
«Non c'è nulla di strano a dire "ti amo" ad un ragazzo dello stesso sesso», hanno minimizzato i cappuccini che gestiscono il santuario.
«Dio stesso è amore e non c'è niente di sconveniente». Sono stati poi i fedeli impietriti a richiamare all'attenzione dei prelati quel gesto così intimo scambiato su un pulpito ma alcuni cappuccini assicurano di non aver visto il bacio: «sembrava un normale gesto d'affetto scambiato sulla guancia», hanno commentato.
La notizia "sconvolgente", battuta questo pomeriggio molti in paese ancora non la conoscono. In piazza evidentemente si parla d'altro così come nei bar della città.
Probabilmente dovranno attendere di leggerla sui giornali per scoprirla.
Anche il priore del Santuario, Adolfo Razzano, cade dalle nuvole: «Oh Gesù, apprendo la notizia da lei», dice sbigottito al telefono con PrimaDaNoi.it poi dopo aver riflettuto un pò chiede: «ma mi faccia capire i ragazzi sono un ragazzo e un ragazza?».
Beh padre… non proprio.
«Cosa vuole che le dica? Non so proprio nulla, davvero… certo però che storia…»
Già che storia, ma in fondo sempre di amore si sta parlando.
24/03/2007 18.53

SOLO UN INGANNO OTTICO?

«Ma quale bacio tra maschi». «Che scandalo, potevano almeno farlo non in chiesa». «Io non ho visto niente, ma me lo hanno raccontato….poi non so». «Sì, ho sentito…ma mi sembra così strano…»
Ricostruire cosa sia successo qualche sera fa nel Santuario di Pietraquariachiesa di Avezzano è quasi impossibile. C'è chi giura di aver visto quei due “chierichetti” maschi sul pulpito scambiarsi la tenera effusione, chi assicura che si sia trattato solo di un bacio sulla guancia, un saluto "tradizionale" tra amici.
Sarebbe tutto qui lo strappo al protocollo religioso: la messa è stata interrotta per pochi secondi.
Problemi di prospettive? Inganni ottici? Per adesso impossibile dire quale sia la verità.
Il resto lo avrebbero fatto le discussioni tanto attuali di Dico e coppie non tradizionali che avranno suggestionato i fedeli più morigerati.
Aggiungici anche che i due ragazzini sarebbero "forestieri" che sono poco conosciuti in città e poco si sa delle loro abitudini e il gioco è fatto.
Il telefono del convento dei cappuccini che gestiscono è perennemente staccato, probabile segnale che della storia non vogliono più parlare.
Anche alla curia di Avezzano è praticamente impossibile poarlare con qualcuno per cercare di fare luce sulla misteriosa vicenda lanciata dalla agenzia Agi.
Fatto sta che fin dalla prima ora i prelati avevano minimizzato il gesto d'affetto e confessato di non aver visto il tipico bacio tra fidanzatini tra i due.
E ieri in città si è parlato molto della storia che è rimbalzata anche sui giornali e telegiornali nazionali.
Qualcuno racconta di aver visto il filmato anche al tg di Italia uno: «hanno detto che due ragazzi di qua si sono baciati a lume di candela..votiva», hanno raccontato.
Sta di fatto che vera o falsa che sia, questa notizia, ha certamente fatto scattare il dibattito. «L'amore è amore come hanno detto anche i cappuccini», dicevano gli avventori del bar in piazza, ma i più anziani non hanno di certo approvato: «che le facciano almeno a casa loro queste cose».
Ma delle molte persone interpellate la maggioranza ha dichiarato di non sapere e di non aver sentito parlare della storia ormai due giorni dopo.
26/03/2007 12.43