Loreto Aprutino. Nel bilancio di previsione la Tarsu aumenta del 50%

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

481

LORETO APRUTINO. Bilancio di previsione amaro per i cittadini di Loreto Aprutino. Dal documento di programmazione finanziaria appena approvato dalla giunta Passeri è spuntato un aumento del 50% sulla Tarsu, la tassa sui rifiuti. Una stangata che farà discutere e su cui l'opposizione è già pronta a dare battaglia in aula nel prossimo consiglio.
L'impennata della Tarsu è una diretta conseguenza della nuova convenzione per la raccolta, lo spazzamento ed il trasporto dei rifiuti urbani, che richiederà all'amministrazione comunale l'esborso di notevoli risorse finanziarie.
L'assessore al bilancio, Barbara Rasetta, commenta così la scelta della giunta.
«Negli ultimi anni, a fronte di aumenti di costi del servizio, legato soprattutto al conferimento in discarica e al pre-trattamento dei rifiuti prima del conferimento in discarica», spiega l'assessore, «questa tassa non è stata mai ritoccata, per cui buona parte del costo si è scaricato sulle risorse del bilancio. La nuova convenzione, stipulata alla fine di febbraio, ha sicuramente apportato dei miglioramenti, non ancora del tutto visibili, al servizio con una più puntuale raccolta, distribuzione dei cassonetti sul territorio, investimenti strumentali ed una migliore organizzazione generale del servizio».
E' stato costituito un comitato tecnico che farà da sentinella a garanzia delle prestazioni da esigere e saranno coinvolti i cittadini direttamente, al fine di assicurare la qualità del servizio. «Chiediamo ai cittadini un ulteriore sacrificio, ma la scelta è stata obbligata», sostiene Rasetta, «il nostro Comune spende circa un milione di euro per la raccolta dei rifiuti e, nonostante ciò, il servizio non è ancora eccellente: non abbiamo ancora realizzato una raccolta differenziata capillare. E' un sacrificio che chiediamo anche a garanzia di altri servizi, come quello per l'assistenza sociale, nella fattispecie dell'assistenza ai minori che comporta una spesa enorme per le nostre risorse».

22/03/2007 9.19