Ecco l’accordo di programma per centro diversamente abili di Pagliare

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

968

L’AQUILA. Il sindaco e la presidente della Provincia dell’Aquila, Biagio Tempesta e Stefania Pezzopane, hanno espresso “profonda soddisfazione” per la firma degli accordi di programma finalizzati alla realizzazione di un centro residenziale per diversamente abili a Pagliare di Sassa e per l’ampliamento e l’incremento della funzionalità dell’Ente scuola edile di San Vittorino. Gli accordi dovranno ora passare al vaglio dei Consigli comunale e provinciale per la ratifica.
In particolare, la costruzione della struttura per diversamente abili (oltre che da Tempesta e Pezzopane, l'accordo è stato firmato anche dagli assessori all'Edilizia del Comune, Luca Ricciuti, e dell'Urbanistica della Provincia, Celso Cioni, alla presenza di numerose associazioni di volontariato) sarà accompagnata da interventi che riguarderanno l'allestimento di strutture socioculturali e ricreative a servizio degli abitanti, di un polo scolastico, di parchi e aree a verde attrezzato (anche di uso pubblico) e di villette, con la contestuale possibilità di riqualificare alcuni edifici esistenti nell'area in questione. Il tutto, su una superficie complessiva di circa 42mila metri quadrati, corrispondente all'ex zona Peep di Pagliare di Sassa, di proprietà dell'amministrazione comunale. Quest'ultima metterà tale area a disposizione del privato che si vincerà la gara che verrà bandita con avviso pubblico. Lo stesso privato, a sue spese (e versando un diritto di 150.000 euro al Comune), si occuperà di realizzare tutto quello che è previsto nell'accordo di programma.
Quanto all'Ente scuola edile (Ese) di San Vittorino, lo stesso sarà ampliato, con la realizzazione di un polo di eccellenza per la formazione e l'allestimento di infrastrutture. Sono previsti laboratori artigianali e di mestieri, uffici, locale per la mensa, 36 alloggi per studenti, aree espositive, parcheggi e attrezzature ricreative. Un intervento che si estenderà su una superficie di circa 23mila metri quadrati e che prevede l'impiego di circa 4 milioni e 700mila euro, di cui 2 milioni stanziati dalla Regione e 2 milioni e 700mila euro investiti dalla società Formed, società quasi interamente controllata dall'Ese. A tali costi dovranno aggiungersi quelli per la sistemazione del campo polivalente a servizio dell'Ente scuola edile, che diventerà di uso pubblico.

«Per Pagliare di Sassa – ha dichiarato il sindaco Tempesta – in un colpo solo abbiamo ottenuto due risultati. Gettare le basi per una struttura complessa che svolgerà un ruolo decisivo in ambito sociale, attraverso l'integrazione di chi è portatore di handicap, e nel contempo agire per trasformare radicalmente tutta la zona, sottraendola ad anni di degrado. Si andrà incontro a un netto miglioramento della qualità ambientale di quella zona, senza alcun onere a carico dei cittadini. Un ringraziamento va alla Provincia dell'Aquila e alle associazioni che egregiamente lavorano in tale ambito sociale, per aver svolto un ruolo determinante nel raggiungimento di questo obiettivo. Quanto alla Scuola Edile, l'accordo stipulato renderà possibile il contributo dei privati alla riqualificazione complessiva della zona».
«Due risultati importanti – ha commentato la presidente della Provincia, Stefania Pezzopane – che si sono raggiunti grazie alla collaborazione tra le istituzioni. Un segno di maturità politica e di buona amministrazione, che ci ha consentito di fornire risposte concrete a due problemi che gravavano sulla città da decenni. Entrambi i progetti hanno un'elevata valenza sociale. Con il centro residenziale per i diversamente abili di Pagliare di Sassa corrispondiamo a una precisa richiesta delle associazioni di volontariato. Con l'ampliamento della scuola edile diamo una risposta concreta alle reali esigenze dei cittadini. Intendo, in questo senso, rivolgere un ringraziamento particolare alle strutture tecniche delle amministrazioni provinciale e comunale e all'assessore provinciale all'Urbanistica, Celso Cioni».

21/03/2007 16.15