Il giardino dei sensi nella Riserva dei Calanchi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

826

ATRI. Un percorso sensoriale nella Riserva dei Calanchi di Atri.
Il Comune ha affidato, tramite un concorso di idee, la realizzazione del progetto al WWF.
«L'idea progettuale», riferisce l'Assessore ai Parchi e Presidente della Riserva, Marco Bosica, «nasce da una collaborazione dell'Amministrazione Comunale con la locale sezione dell' Unitalsi e del Wwf regionale e consiste nella realizzazione di un giardino accessibile a tutti per esperienze sensoriali sul tema naturalistico (esempio, giardino dei 5 sensi) nei pressi del Centro di Educazione Ambientale della Riserva in località Colle della Giustizia all'interno della Riserva Naturale Regionale ed Oasi WWF dei Calanchi di Atri».
Per questo intervento la Regione Abruzzo ha già assegnato al Comune di Atri un finanziamento pari ad 50mila euro.
Il progetto verrà realizzato all'interno dell'area di pertinenza del Centro di Educazione Ambientale di estensione di alcune migliaia di mq.
Si dovrà tener conto dell'accessibilità da parte di tutti con un'attenzione particolare alle categorie protette (bambini, anziani, diversamente abili).
Saranno previsti sistemi di orientamento, con particolare riferimento alla fruizione dei diversamente abili e delle altre categorie protette, il posizionamento di installazioni finalizzate alla la percezione, da parte dei fruitori, degli elevatissimi valori paesaggistici e di biodiversità dell'ambiente circostante. Tali installazioni dovrebbero valorizzare la fruizione dell'ambiente tramite le diverse esperienze sensoriali (percorso dei 5 sensi o similare) e il gioco.
«Particolare attenzione dovrà essere posta alla risoluzione dei problemi derivanti dall'uso turistico di aree naturalisticamente importanti (calpestio, disturbo derivante dai rumori) e all'uso di materiali sostenibili e certificati (certificazione FSC per il legno, ad esempio)», ha concluso l'assessore, «con questo finanziamento il Comune intende realizzare un'opera completa e funzionale e si auspica che vi siano ulteriori finanziamenti che consentano un'implementazione del progetto tramite lotti successivi».

02/03/2007 19.16