Ponte Capacchietti, «lavori da due anni ma cantiere deserto»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

904

PESCARA. Procede a rilento la realizzazione del raddoppio del ponte di Capacchietti, come viene comunemente definito il Ponte delle Libertà.
«I lavori durano ormai da due anni» sostiene il consigliere Comunale di Forza Italia Guerino Testa, «e da tempo mi è stata segnalata la mancanza di operai sul cantiere del ponte o la presenza di addetti».
E questo spiegherebbe quindi facilmente anche il ritardo della consegna dell'opera che sta provocando disagi.
Arriva inoltre dai cittadini la segnalazione, non senza polemica, della chiusura al traffico di via Valle Roveto, causata proprio da questo intervento.
La stradina in questione costeggia il fiume Pescara e permette di evitare il tratto di via del Circuito compreso tra il ponte di Capacchietti e piazza Pierangeli, e quindi consente di non incolonnarsi nelle file di auto che perennemente si formano in questa zona.
«Non si può non ricordare», continua Testa, «che proprio in questo pezzo di via del Circuito è localizzata la scuola elementare Villa Fabio, per cui i bambini sono costretti a respirare polvere e smog. Il Comune dovrebbe quindi intervenire prontamente per accelerare la fine di quest'opera, verificando che tutto si stia svolgendo regolarmente e secondo i tempi concordati».

02/03/2007 12.06