Pro Vasto, l'appello del sindaco: «cittadini sostengano la squadra»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1822

VASTO. Un appello per sensibilizzare la città nei confronti della Pro Vasto.


Ma anche la necessità di sottolineare l'impegno dell'amministrazione comunale nei confronti sia della società del presidente Crisci che dello stadio Aragona.
Nel corso della conferenza stampa di ieri mattina il Sindaco Luciano Lapenna ha fatto il punto della situazione sul “problema Pro Vasto”.
«Mi auguro ma è anche un appello – ha detto il primo cittadino – è che in questi giorni la città sappia sostenere la prima squadra di calcio della città. Nelle ultime settimane qualcosa è stato fatto ma adesso ci vuole uno scatto d'orgoglio da parte di tutti, imprenditori e non».
Il sindaco ha poi annunciato che la Giunta ha deliberato 25 mila euro, sotto forma di sponsorizzazione, in favore della società biancorossa.
«Ma al di là di questo ulteriore impegno – ha aggiunto Lapenna – vorrei ricordare che, dal giorno del mio insediamento ad oggi, questa amministrazione è sempre stata vicina alla Pro Vasto. I numeri, in proposito, parlano chiaramente: con questo ultimo impegno di 25 mila euro abbiamo raggiunto quota 200 mila euro. In cinque anni non sono pochi».
Lapenna ha poi sottolineato tutto quanto è stato fatto per lo stadio Aragona.
«Grazie al nostro impegno e alla nostra programmazione l'Aragona è uno dei pochi impianti a norma della Regione. E non è certamente un caso se il Pescara, nel recente passato, ha deciso di giocare alcune partite proprio qui a Vasto»
Per la messa a norma e in sicurezza della struttura «sono stati investiti oltre 500 mila euro. Purtroppo da qui in avanti bisognerà pensare ad una gestione che ricalchi quella del palasport di via Conti Ricci che, ad oggi, rappresenta il fiore all'occhiello delle strutture sportive cittadine. Più volte ho chiesto sia al presidente Crisci che ai suoi collaboratori di prendere in considerazione la gestione dello stadio. Al momento, però, non sono riuscito a trovare quell'accordo necessario che consenta allo Stadio di avere una gestione simile a quella del Palasport».

28/07/2010 8.31