Sequestrato un chilo di eroina a Rancitelli: 4mila dosi in meno sul mercato

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1310

PESCARA. Nel tardo pomeriggio di ieri la Squadra Mobile di Pescara ha proceduto al sequestro di due panetti di eroina, del peso complessivo di poco più di un chilo.


Gli agenti della Sezione Antidroga, particolarmente attivi nel quartiere Rancitelli, seguendo i movimenti di alcuni tossicodipendenti della zona e delle province limitrofe, avevano intuito che nello stabile di via Tavo n° 169 (il cosìddetto ferro di cavallo) vi era qualcuno che stava spacciando stupefacenti.
Sono scattate quindi alcune perquisizioni domiciliari, con esito negativo, fino a che l'attenzione degli agenti è stata attratta dalla presenza di una scala poggiata all'ultimo piano, che consentiva di raggiungere una finestrella condominale dalla quale si accedeva al tetto.
Saliti sul tetto gli agenti hanno trovato, nascosti sotto delle tegole, due panetti di eroina del peso di 500 grammi cadauno ed un bilancino di precisione, posti sotto sequestro, a carico di ignoti.
In considerazione del fatto che gli spacciatori di ultimo livello (tossicodipendenti esclusi, che a volte la rivendono tagliandola ancora) vendono lo stupefacente a 25 euro al grammo, il valore della droga in sequestro ammonta a non meno di circa 25.000 euro.
Considerando che da un grammo della droga in sequestro se ne ricavano almeno quattro dosi, si può facilmente dedurre che sono state sottratte al mercato locale almeno 4.000 dosi.

27/07/2010 14.11