Chieti, completato trasferimento uffici in via Spaventa

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1375

CHIETI. Completato il trasferimento degli uffici nella nuova sede di via Spaventa: «un sacrificio straordinario dell'ente e dei dipendenti a beneficio del tribunale di Chieti»

«Abbiamo mantenuto la promessa di consentire la regolare attività del tribunale di Chieti, sebbene non fosse un'incombenza che spettava alla Provincia, ma ora con il completamento del trasferimento degli uffici a via Spaventa abbiamo chiuso una fase difficile».
Così ha dichiarato ieri mattina il presidente, Enrico Di Giuseppantonio, ricevendo una delegazione dei dipendenti che nel breve volgere di nove mesi hanno dovuto traslocare due volte e che hanno relazionato sullo stato degli uffici.
Il 21 settembre scorso, infatti, con la firma del contratto d'affitto tra la Provincia, proprietaria dell'immobile di via Arniense (ex ospedale Civile), e il Comune di Chieti, cui compete la responsabilità dell'allocazione degli uffici giudiziari, i settori Lavoro, Servizi Sociali e Attività Produttive sono stati trasferiti provvisoriamente nella sede centrale di corso Marrucino e nello stabile di piazza Valignani, con grosso disagio per gli utenti e soprattutto per i dipendenti, costretti a dividersi poche stanze.
Il 3 giugno, con il perfezionamento del contratto di affitto della sede ex Inail di via Spaventa, si è avviato il secondo trasloco che ha trasferito nei nuovi uffici sia i settori precedentemente ospitati in via Arniense (Lavoro, Servizi Sociali e Attività Produttive), sia altri uffici presenti nella sede di piazza Valignani, nella sede centrale e in via Arcivescovado (Turismo, Cultura, Telefonia, Scuola, Europe Direct).
L'Ufficio Relazioni con il Pubblico (Urp) si è trasferito invece da piazza Valignani nella sede centrale.
«Ringrazio di vero cuore – ha spiegato il presidente Di Giuseppantonio – l'abnegazione e lo spirito di sacrificio dei nostri dipendenti e la pazienza degli utenti che in nove mesi hanno visto cambiare per ben due volte la sede di importanti uffici, con tutto ciò che comporta: spostamento e ricollocazione dei documenti, ripristino degli archivi, rallentamento delle pratiche. Abbiamo voluto tener fede ad un impegno solennemente preso con il presidente del tribunale di Chieti e con l'Ordine degli Avvocati, che abbiamo messo in condizione di non interrompere l'attività giudiziaria. Ora, con l'affitto dell'ex Inail non solo abbiamo restituito tranquillità e normalità ai nostri uffici, ma abbiamo anche conseguito un consistente risparmio sui canoni di affitto che pagavamo per le sedi di piazza Valignani e via Arcivescovado».

23/07/2010 10.05