Omicidio Frisa, «non è stata una rapina»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5343

LANCIANO. Emilia Tortorella non è stata aggredita e uccisa nel corso di una rapina: gli investigatori ne sono sempre più convinti.



A tre giorni dall'omicidio della anziana di Guastameroli, frazione di Frisa, è ancora giallo.
La donna, uccisa con 10 coltellate, di cui una mortale al cuore, non sarebbe stata vittima, insieme al marito ancora ricoverato presso l'ospedale di Lanciano, di una rapina finita male.
Le ore passano e i carabinieri ne sono sempre più convinti.
Fin dalle prime ore gli inquirenti avevano annunciato che nessuna pista sarebbe stata tralasciata e adesso emergono importanti elementi che, di fatto, fanno cadere l'ipotesi più accreditata.
Gli investigatori hanno trovato al piano superiore dell'abitazione 3.150 euro. Questo vorrebbe dire che il ritrovamento di due portafogli gettati davanti all'ingresso della casa potrebbe essere stato un depistaggio.
L'inchiesta vede comunque due indagati stranieri, anche se le loro posizioni sarebbero state ampiamente chiarite, a partire da una macchia di sangue trovata su un capo di abbigliamento, in realtà riferita ad una ferita subita in una gara di calcio.
L'indagine riparte da altre ipotesi; la più accreditata è quella legata a conoscenze più strette della vittima - affetta da tempo dal Morbo di Parkinson - e di suo marito Luigi Del Bello di 80 anni, ferito al volto e ricoverato all'ospedale di Chieti con una prognosi di 25 giorni.
La donna, che stava dormendo nel suo letto, potrebbe aver riconosciuto qualcuno e per questo uccisa? Ma chi è entrato nell'abitazione? Sulla porta d'ingresso non sono stati trovati segni di effrazione. Qualcuno aveva le chiavi?
Mercoledì mattina era stato il marito della donna a raccontare della presenza di due uomini, col volto coperto, che avrebbero ucciso la donna che aveva tentato di reagire alla rapina.
Intanto l'autopsia eseguita nel pomeriggio dal medico legale Ivan Melasecca ha confermato che la morte è stata provocata dalla coltellata inferta al cuore.
Chi ha ucciso la donna, dice sempre la perizia, lo ha fatto con accanimento. Il movente e il responsabile, però, sono ancora un mistero.


23/07/2010 8.27