Mascia al lavoro per un collegamento aereo Pescara-Patrasso

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1489

PESCARA. Un aeroporto attrezzato ad appena 40 chilometri da Patrasso, nella città di Axtio, un’infrastruttura capace di sostenere un collegamento aereo diretto con Pescara.




E' l'ipotesi di lavoro su cui il Comune di Pescara apre una riflessione con la Regione Abruzzo e con la Saga e che già a inizio autunno potrebbe consentire di giungere a risultati concreti.
Lo ha annunciato il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia appena rientrato dalla missione istituzionale di tre giorni a Patrasso, con il consigliere comunale del Pd Antonio Blasioli.
Nel corso della prima giornata a Patrasso Mascia ha incontrato il sindaco Andreas Fouras e il dirigente della primera e seconda educazione della Provincia che si sono detti pronti a riannodare le fila di un rapporto di cordialità già attivo con l' Università, dove oggi studiano migliaia di studenti greci.
Già nel maggio del 2009 Patrasso e Pescara hanno stipulato un Protocollo d'intesa, il cosiddetto ‘ Patto Esagonale' che vede anche la presenza delle città di Ascoli Piceno, di Ferrara, di Lubiana e di un centro della Slovenia, territori scelti per alcune similitudini nelle dimensioni e nella vocazione turistico-portuale.
Pescara vuole attivare un nuovo collegamento aereo stabile con la città greca, utilizzando lo scalo di Axtio, ad appena 40 chilometri da Patrasso, o di Olimpia, senza escludere la capacità di intercettare anche un traghetto passeggeri diretto da Pescara a Patrasso, «dando una risposta concreta alle migliaia di turisti che oggi devono rivolgersi necessariamente ai porti di Venezia, Ancona, Bari o Brindisi per raggiungere la Grecia».
Pescara potrebbe allora proporsi come lo scalo più vicino per il flusso turistico proveniente da Lazio, o Umbria, che già oggi scelgono il capoluogo adriatico per imbarcarsi alla volta della Croazia.
«Abbiamo discusso di tale possibilità con il presidente della Ettaa (Azienda municipale per lo sviluppo turistico), Nikos Papalexis e con il presidente del Depap (Azienda municipale per lo sviluppo culturale) Eleni Dassiou. Le autorità locali hanno accolto la proposta di aprire un dialogo su tale prospettiva, che necessariamente dovrà vedere coinvolti Regione e Saga per studiare un Piano economico di fattibilità ponendo delle scadenze ben precise per un volo che dovrà coprire l'intero arco dell'anno».

22/07/10 12.07