Blitz forze dell’ordine: sigilli ad appartamenti di immigrati tra le proteste

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3550

MARTINSICURO. Perquisizioni, controlli, decine di militari impegnati nella operazione congiunta di questura e guardia di finanza di Teramo contro l'immigrazione clandestina ed il commercio abusivo.

Il blitz con una cinquantina tra poliziotti e finanzieri e' scattato oggi intorno alle 8.30 nella zona Tronto a Nord di Martinsicuro.
Un'intera palazzina di via Vivaldi e' stata sottoposta a perquisizione mentre tutte le vie adiacenti sono state chiuse al traffico.
Da tempo ormai una serie di segnalazioni raccontavano di un frequente via vai di extracomunitari, rumori e gli abitanti della zona si erano rivolti spesso alle forze dell'ordine. Oggi è scattato il blitz che però ha provocato una vera e propria sollevazione popolare da parte degli stranieri .
In questura sono stati accompagnati una decina di extracomunitari di colore mentre e' stato sequestrato un ingente quantitativo di merce probabilmente contraffatta.
Non e' la prima volta che la palazzina di via Vivaldi, rifugio per molti stranieri di origine africana, viene perquisita.
Lo scorso luglio vennero fermate dai carabinieri una cinquantina di persone, mentre le Fiamme Gialle sia nel 2007 che piu' recentemente, individuarono e smantellarono un vero laboratorio e magazzino di prodotti contraffatti, soprattutto accessori moda ma anche decine di migliaia di cd e dvd contraffatti.

SIGILLI A 7 APPARTAMENTI


Alla fine la polizia ha posto i sigilli a dieci appartamenti della palazzina di via Vivaldi.
Il sindaco Abramo Di Salvatore, a seguito di ispezione della Asl, ha firmato l'ordinanza con cui ha decretato il sequestro amministrativo di 7 alloggi tra quelli perquisiti stamattina.
I sigilli sono stati posti per questioni igienico-sanitario. In quelle abitazioni-dormitorio malsane c'erano scarafaggi, umidita' e sporcizia ed inoltre erano occupate in sovrannumero rispetto ai limiti consentiti dalla legge.
La questura, dal canto suo, ha invece disposto il sequestro per motivi di ordine pubblico di tre appartamenti dentro cui si trovavano gli irregolari e la merce contraffatta.
Ed è scoppiata anche la polemica ed una manifestazione spontanea con una cinquantina di nordafricani che ha manifestato davanti alla palazzina per chiedere di poter rientrare nelle rispettive abitazioni.
Sono presenti anche alcuni avvocati degli extracomunitari regolari, che stanno tentando di placare le ire dei loro assistiti, che chiedono ora di potersi sistemare per la notte perchè non sanno dove andare.
Il sit-in e' presidiato dai carabinieri e dalla polizia locale.

LA PROPRIETARIA DI CASA

L'intero stabile è risultato essere di proprietà di una cittadina italiana sessantenne, D.S.M. di Martinsicuro che affittava l'immobile, peraltro dotato di un solo contatore Enel, da diversi anni.
La donna è stata denunciata in concorso con 4 cittadini extracomunitari per i quali era stata resa denuncia di cessione fabbricato, di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina con il sequestro dei relativi quattro appartamenti.
Sul conto di D.S.M., recidiva, verranno attivati accertamenti di natura fiscale e tributaria.
Alcuni appartamenti dell'immobile sono risultati vuoti, altri sono abitati da famiglie regolari che sono state lasciate nelle case, mentre nella maggior parte di quelli sottoposti a controllo è stata riscontrata la presenza di persone superiore alla capienza consentita, la trasformazione di terrazzi in luogo per la cottura di cibo, cattivo odore ed in un caso presenza di formiche e scarafaggi.

I NUMERI DELL'OPERAZIONE

5 denunciati tra cui una italiana e 4 stranieri
5 denunciati extracomunitari perché privi di documenti di identificazione
8 extracomunitari denunciati per ricettazione e contraffazione
1 extracomunitari denunciato perché inottemperante all'ordine del Questore di lasciare il Territorio Nazionale
1 extracomunitari denunciato per detenzione di materiale contraffatto
16 extracomunitari accompagnati in Questura per accertamenti sulla posizione di soggiorno
5 extracomunitari espulsi perché irregolari
4.866 pezzi di vestiario e accessori contraffatti sequestrati
1.872 Dvd-Cd illegalmente masterizzati sequestrati
7 appartamenti sequestrati con provvedimento d'urgenza del sindaco per motivi igienici.

16/07/2010 18.00