Dalla Provincia di Teramo corsi pubblici per diventare skipper

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1149

TERAMO. Formazione: approvato il piano stralcio 2010 per una spesa di 500 mila euro



Su proposta dell'assessore Eva Guardiani è stato approvato dalla Giunta provinciale il piano stralcio della formazione per l'anno in corso. 500 mila euro per un pacchetto che prevede la realizzazione di quattro corsi per l'acquisizione di altrettante qualifiche spendibili nel mondo del lavoro, destinati a disoccupati e inoccupati.
Dopo il corso per “centralinisti non vedenti”, iniziato alcuni mesi fa – e che si concluderà con gli esami finali nel mese di settembre - si tratta, di fatto, del Piano che ufficializza la ripresa, da parte della Provincia, dell'attività formativa diretta, attività che negli ultimi anni era stata sospesa.
Accanto ai corsi tipo tradizionali, operatore EDP, estetista, lingua inglese – scelti fra quelli obbigatoriamente individuati dalla Regione – si affianca una proposta totalmente innovativa, elaborata dal settore formazione dell'ente: quella di “skipper ambientalista”.
Nella terra della Costa Blu si moltiplicano le attività, turistiche e promozionali legate al mare, la cui formazione, fino ad ora, è stata totalmente affidata all'iniziativa privata.
Attraverso il corso sarà possibile acquisire la qualifica di skipper che permetterà di condurre imbarcazioni da diporto e a vela.
Una formazione a tutto tondo per diventare “capitani” di una barca con un particolare focus sulle attività ricollegabili alla richiesta turistica: lo skipper ambientalista, nel progetto concepito dalla Provincia, oltre ad acquisire la patente nautica e, quindi, ad avere tutti i requisiti del capitano di una piccola nave da cabotaggio è anche colui che opera in collaborazione con le agenzie turistiche attivando iniziative promozionali legate alle
attività di mare.
«Di corsi pubblici di questo genere ve ne sono pochissimi in Italia e, anche considerando gli obiettivi generali della nostra amministrazione e quelli ricollegabili ad azioni di sistema a favore del turismo e dell'ambiente, riteniamo che questa qualifica abbia un deciso valore aggiunto», afferma l'assessore Guardiani.
L'intervento formativo per “Skipper Ambientalista” dovrà passare il vaglio della Regione e subito dopo, prevedibilmente in autunno, sarà pronto il bando con le modalità e i requisiti di partecipazione.
16/07/10 10.46