Chieti: la Questura al Ciapi, Scienze motorie al Villaggio

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3007

CHIETI. La Questura di Chieti va al Ciapi. La Facoltà di Scienze motorie si sposta nel nuovo Campus insieme a quella di Psicologia.
E' finalmente arrivata la quadratura del cerchio nel contenzioso tra Università e Villaggio Mediterraneo per l'acquisto mancato della quota di edifici che in un primo momento la D'Annunzio si era impegnata ad acquisire, insieme ad altri Enti pubblici come la Asl e l'Ater.
Dopo una trattativa faticosa, il coniglio è uscito da cilindro di qualche prestigiatore abituato a mettere insieme il diavolo con l'acqua santa: e così da una parte salta l'acquisto diretto Università-Villaggio, dall'altra con un accordo di programma benedetto anche dal sindaco di Chieti, un costruttore realizzerà queste nuove strutture.
Alla fine della giostra, la Questura avrà una nuova sede passando dal troppo stretto al troppo largo, l'Università ricompatta il Campus, il Villaggio vende la quota che voleva e magari ci guadagna un pò.
Perché in effetti era accaduto che gli edifici proposti per l'acquisto alla D'Annunzio erano stati contestati sotto l'aspetto qualitativo (anche se li aveva approvati una commissione di professori di architettura) e si era arrivati alla proposta di cedere all'Università il terreno dove costruire le facoltà.
Di qui la richiesta all'Ufficio tecnico erariale per una valutazione congrua del sito proposto.
Non si sa se volutamente o no, visto che erano in corso le trattative con il Prefetto per la cessione del Ciapi, l'Università non ha risposto alle richieste di chiarimenti che l'Ute ha inviato a sua volta a marzo ed a maggio per ulteriori dettagli.
Probabilmente un ruolo l'avrà giocato anche la possibile valutazione di circa 10 milioni dell'area oggetto del desiderio e forse senza sborsare quella cifra, ma con il cambio dell'edificio Ciapi, gli obiettivi della D'annunzio sono stati raggiunti lo stesso.
Prima di dare ufficialità a tutta l'operazione però si aspetta il via libera del Ministero dell'Interno al quale il prefetto Greco ha inviato la proposta.
Qualche problema politico è previsto anche per il sindaco di Chieti, visto che qualcuno già parla di ulteriore spoliazione del centro storico della città. In silenzio invece i due contendenti, Villaggio e Ateneo, tra i quali è scoppiata la pace.

16/07/2010 10.17