Museo del Mare: «servono 5 milioni di euro per completare l'opera»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1639

PESCARA. Dopo 11 anni di cantiere e 9 appalti si scopre che per realizzare il Museo del Mare a Pescara saranno necessari altri 5 milioni di euro.
L'annuncio è stato fatto dal presidente della Commissione consiliare Lavori pubblici Armando Foschi che già nei giorni scorsi aveva parlato della struttura come «una grande scatola vuota».
L'ingente cifra che servirà per completare il Museo è stata stimata nel corso della riunione convocata per verificare la possibilità di allestire minime mostre all'interno della palazzina-servizi realizzata sul lungofiume nord, dinanzi alla banchina, attraverso undici anni di cantiere e nove diversi appalti per una spesa pari a 2 milioni di euro.
Si sta pensando di prestare la struttura alla Caritas per dare un ricovero ai tanti senzatetto che vivono sul territorio. Una proposta, spiega Foschi, «che non è una semplice provocazione, ma piuttosto una protesta contro le tante incompiute che ci ha lasciato la vecchia amministrazione, incompiute spacciate per anni per ‘capolavori di fantasia'».
Il sopralluogo e il vertice con i tecnici e progettisti della struttura hanno fatto emergere l'amara realtà: «il Museo del Mare, progettato nel 1999, non è ancora stato costruito – ha ribadito il presidente -: oggi c'è solo un contenitore, nato sulle ceneri dell'ex Istituto Di Marzio.
Ora per terminare la ‘scatola' sarà necessaria un'ultima tranche di opere, pari a circa 150mila euro, già previste nel triennale, fondamentali per completare solo la recinzione esterna e la pavimentazione del terrazzo al quarto piano, escludendo l'allestimento del punto-bar.
Seppure si decidesse di aprire al pubblico i cittadini potrebbero usufruire solo del pianterreno
Non c'è ombra del fantomatico ‘Museo del Mare', insiste Foschi: «adesso c'è solo una struttura di servizio al futuro Museo, ancora da costruire sull'area di 400 metri quadrati lasciata libera dalla parte demolita dell'ex Istituto Di Marzio, adiacente l'attuale manufatto».
Al pianterreno sono previsti in sostanza la reception, la Galleria degli Abissi e una piccola sezione sul ‘Museo che sarà'; al primo livello è stata prevista la ‘Galleria delle conchiglie', una collezione già in possesso del Comune prima della donazione del privato; inoltre è stata prevista la biblioteca, uffici e una piccola ‘area di sosta'; al secondo livello c'è la ‘Galleria di avvistamento con Ponte di Mare', ossia una piattaforma marina prospiciente il fiume; infine all'ultimo livello c'è il punto bar e il terrazzo.
«Per poter acquisire effettivamente la collezione di conchiglie donata al Comune da un appassionato di Ancona», spiega ancora Foschi, «dovremmo a questo punto decidere di inserire tali pezzi all'interno della nostra collezione di conchiglie, ma anche in questo caso la loro presenza in realtà non è stata prevista nell'appalto già espletato per l'arredamento interno della palazzina servizi, per la cifra minima di 69mila euro, e che comprende solo l'acquisto di lampade, l'arredo per la reception e poche teche. Inoltre non abbiamo neanche idea dei costi connessi con il trasloco delle conchiglie stesse. E' evidente che per sei anni la passata amministrazione comunale si è fatto beffe della città, sbandierando un Museo oggi inesistente»

15/07/2010 9.38


MARCHEGIANI: «POVERA PESCARA»

«Si sta vanificando quanto l'amministrazione di centrosinistra è riuscita, e con fatica, a costruire con la realizzazione del primo e del secondo lotto del Museo, nel rispetto del nuovo piano antisismico», attacca l'ex assessore alla Cultura Paola Marchegiani.
«Dopo un anno l'amministrazione di centrodestra non è riuscita nemmeno a realizzare una scala antincendio, ponendo così la definitiva pietra tombale sul Museo “Guglielmo Pepe”. Sprecare la possibilità di un'esperienza unica e memorabile, se realizzata in un luogo magico come quello in cui è situato il Museo del Mare, è un vero e proprio crimine contro la città. Tale è l'idea di cultura che la vigente amministrazione propina a Pescara».

15/07/10 14.47