Tribunale Chieti, governo risponde a Tenaglia e Legnini: «risorse esaurite»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2109

ROMA. I due parlamentari del Pd: «Così il governo Berlusconi abbandona Chieti al suo destino»


«Risorse esaurite». È questo il cuore della risposta che il sottosegretario alla giustizia, in rappresentanza del governo, ha dato in commissione giustizia di Montecitorio all'interrogazione presentata a Camera e Senato dai parlamentari abruzzesi del Pd Lanfranco Tenaglia e Giovanni Legnini, che hanno denunciato «condizioni di lavoro inaccettabili» e «gravi disagi per i cittadini» a causa della parziale inagibilità, a seguito del sisma del 6 aprile, di una parte dell'edificio del tribunale di Chieti.
«Quanto alle competenze e alle possibilità di intervento diretto del Ministero della Giustizia va rilevato, nel caso concreto, che le risorse disponibili per l'edilizia giudiziaria sono esaurite», si legge nella risposta del governo, «non essendovi stato alcun rifinanziamento, negli ultimi anni, dei relativi fondi presso la Cassa Depositi e Prestiti e, pertanto, appare allo stato preclusa la possibilità di finanziare opere di edilizia giudiziaria in favore degli uffici giudiziari menzionati. L'unica iniziativa, ad oggi, possibile è l'acquisizione in locazione, da parte del Comune, di nuove strutture dove dare adeguata sistemazione agli uffici giudiziari».
Insoddisfazione da parte del Pd.
«E' una risposta assolutamente insufficiente, il governo Berlusconi si lava le mani del problema lasciando il tribunale di Chieti al suo destino», ha commentato Tenaglia, «a questo punto il commissario per la ricostruzione Chiodi dica se fra le risorse di cui dispone ci sono fondi per il tribunale di Chieti».
«Una dichiarazione di abbandono da parte del centrodestra nei confronti del tribunale di Chieti: la situazione in cui sono costretti a operare magistrati, addetti alla cancelleria, avvocati e cittadini è assolutamente inaccettabile», ha sottolineato Legnini, «purtroppo le nostre preoccupazioni si sono rivelate fondate: a distanza di 15 mesi dal sisma, per recuperare il tribunale di Chieti non ci sono progetti, né risorse e neppure un'idea cui attingere. È una gravissima responsabilità del centrodestra e il presidente Chiodi non può continuare a fuggire da queste responsabilità».

14/07/2010 16.15