Strada Pendolo, Mascia come D'Alfonso: inaugura le incompiute

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1708

Strada Pendolo, Mascia come D'Alfonso: inaugura le incompiute
PESCARA. Inaugurazione con strascichi polemici per la strada pendolo ieri pomeriggio. I consiglieri del Pd che considerano quei lavori frutto della giunta targata D'Alfonso.

Ma il sindaco Mascia non la pensa così e non solo ieri ha testato la tecnica collaudata del suo predecessore (inaugurare opere incomplete come ad esempio si fece con il Ponte del Mare o con
Villa De Riseis) ma ha ricordato che «l'idea di realizzare uno sbocco stradale che alleggerisse il traffico nella zona di Pescara Ovest è nata alcuni anni fa quando a Pescara c'era la Giunta guidata dal sindaco Carlo Pace».
«Ora ci verranno a dire per l'ennesima volta – ha detto seccato il primo cittadino - che inauguriamo un'opera nata sotto la precedente amministrazione, ma tutti sanno che non è così perché il progetto fu messo in cantiere precedentemente. Vorrei invece ricordare che il mio predecessore inaugurò nel suo primo biennio di governo molte opere nate, concepite e ideate dal sindaco Carlo Pace. Queste sottolineature a suo tempo non non le facevamo con la sistematicità con cui oggi le fanno i consiglieri dell'opposizione di centrosinistra».
Dall'altra parte il consigliere Enzo del Vecchio (presente in via Aterno assieme agli altri consiglieri Pd Fusilli, Balducci e Di Pietrantonio) ha precisato: «la nostra non è una presenza polemica. Anzi. Siamo stati invitati e siamo venuti a portare il nostro contributo. Non contestiamo l'inaugurazione dell'opera, ci mancherebbe. Diciamo anzi il contrario visto che i lavori sono stati portati a termine per gran parte dalla precedente amministrazione. Il problema è però un altro. Quest'opera secondo noi è una incompiuta perché l'inaugurazione riguarda solo la prima parte della strada pendolo. Senza la prosecuzione verso la Tiburtina e la zona dell'Università, ci saranno davvero pochi miglioramenti per il traffico cittadino».
Ma questo importa ben poco, per il momento, al Comune. Ieri era presente tutta la giunta comunale al completo, il presidente della Circoscrizione Porta Nuova Piernicola Teodoro, l'ex assessore Candeloro, i consiglieri circoscrizionali, comunali e provinciali.
Dopo il taglio del nastro il sindaco Albore Mascia ha dato il via alla passeggiata collettiva lungo la strada-pendolo con i cittadini presenti, e i bambini intrattenuti dagli spettacoli d'animazione, dai maestri-clown e dalla mostra di bici di Marco Bernacchia promossa dalla Galleria White Project con Lucia Zappacosta.
Complessivamente la strada-pendolo collegherà l'area dell'ospedale civile di Pescara al Polo Universitario-giudiziario, 3,5 chilometri in tutto.
La parte completata e inaugurata riguarda una fascia di circa 900 metri lineari che dal Ponte delle Libertà, o ponte Capacchietti, prosegue in direzione sud e, attraversando il quartiere di Villa del Fuoco, si riallaccia con la strada statale Tiburtina.
«La strada-pendolo non è ovviamente completata – ha ammesso il sindaco-. Sarà compito della nostra amministrazione comunale portare a termine un progetto nato oltre dieci anni fa».

14/07/2010 9.44

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK