Tratta ferroviaria Rocca di Corno-Sulmona, stop di 30 giorni

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

936

SULMONA. Dal 26 luglio al 29 agosto la tratta ferroviaria Rocca di Corno-Antrodoco, Molina - S. Demetrio, Molina-Sulmona, sarà interessata da lavori di manutenzione straordinaria.



Lo ha annunciato l'assessore Roberto Romanelli, dopo l' incontro con l'assessorato Trasporti e Mobilità della Regione e con l'R.F.I. S.p.A.
«Faremo queste opere», ha spiegato Romanelli, «che sono improcrastinabili, nei mesi estivi per cercare di evitare disagi agli utenti che in questo periodo diminuiscono di circa il 50%. Daremo, comunque, un ulteriore supporto ai pendolari istituendo un servizio autobus non-stop per la tratta Sulmona-L'Aquila».
Scettico il Pd che parla di una «non notizia» dal momento che l'intervento in programma era già noto e «aveva creato non poche preoccupazioni tra gli utenti che usufruiscono giornalmente»
Preoccupazioni che adesso il Partito Democratico fa proprie «consapevoli dei gravi disagi che tale incomprensibile scelta provocherebbe agli interessati».
Nei giorni scorsi dagli esponenti di centrosinistra era partita una lettera all'assessore ed era stato formulato un ordine del giorno predisposto per il Consiglio Provinciale, sottoscritto da tutti i Consiglieri del territorio e da altri.
«Quello che chiedevamo», ricordano oggi dal Pd, «e chiediamo tuttora, era ed è un intervento forte ed energico da parte dell'assessore Provinciale e, in particolare di quello Regionale ai Trasporti Morra, affinché R.F.I. modificasse le proprie scelte, programmando l'effettuazione dei lavori previsti nelle fasce orarie notturne e in alcune ore del giorno senza traffico, con l'obiettivo di lasciare almeno delle corse mattutine e serali».
Perchè la paura è principalmente che quella di istituire corse supplementari di autobus non sia «una soluzione credibile e utilizzabile dai pendolari, per i tempi occorrenti per raggiungere le relative destinazioni, anche alla luce delle difficoltà di mobilità e di traffico esistenti a L'Aquila: nei fatti significa obbligare tutti all'utilizzo dei mezzi privati».

13/07/2010 8.54