Calanchi di Atri, parte il programma estivo Oasi Wwf

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

980

ATRI. Escursioni, spettacoli, attività di educazione ambientale: è ricco il programma che l'Oasi Wwf dei Calanchi di Atri ha organizzato per l'estate 2010.


Si inizia domani, martedì 13 luglio, alle ore 18, con un'escursione lungo i sentieri dell'Oasi.
Si tratta della prima di una serie di escursioni guidate che si svolgeranno tutti i martedì e i sabato dei mesi di luglio ed agosto e che permetteranno di far conoscere uno degli ambienti più particolari della nostra provincia.
Lunedì 26 luglio e martedì 24 agosto, grazie alla luna piena, si svolgeranno due nuove edizioni de "La luna e i calanchi", escursioni notturne con partenza alle ore 21 che permetteranno di conoscere aspetti particolari del paesaggio calanchivo.
Domenica primo agosto dalle ore 18 si svolgerà, in collaborazione con lo Aurora Shiatsu Club di Alba Adriatica, la prima edizione di "Shiatsu tra i calanchi", una dimostrazione per tutti di questa pratica estremamente rilassante.
Venerdì 6 luglio, dalle ore 21, un'attività di educazione ambientale per bambini "Conoscere le stelle" con i Maghimatici: giochi ed attività per avvicinarsi al mondo della scienza e dell'astronomia divertendosi.
Mercoledì 18 agosto, infine, una Passeggiata alla scoperta delle antica fontane di Atri: un percorso affascinante nella storia di uno dei più bei comuni d'Italia.
«Anche quest'anno», ha commentato soddisfatto Adriano De Ascentiis, direttore dell'Oasi, «nonostante i tagli ai fondi regionali e le difficoltà in cui si trovano tutte le aree naturali protette della nostra regione, siamo riusciti a mettere su un programma di attività. Da anni l'Oasi dei Calanchi è meta, in particolare durante il periodo estivo, di tanti turisti che dalla costa si spostano verso l'interno. Grazie al nostro Centro visita, recentemente arricchito di ulteriori spazi espositivi all'aperto, siamo in grado di offrire piacevoli occasioni di svago sia per gli adulti che per i più grandi. Speriamo che le riserve naturali regionali possano però godere di una maggiore attenzione da parte della Regione: in questi anni, le riserve che funzionano hanno dimostrato di essere dei validi strumenti sia per la conservazione della natura che per la valorizzazione del territorio».
Tutte le informazioni sul programma si trovano su riservacalanchidiatri.it.
12/07/10 11.53