Saldi, controlli a tappeto e negozi aperti fino a mezzanotte

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

983

PESCARA. Sono 23 le attività commerciali che sabato, primo giorno dei saldi a Pescara, sono state sottoposte a un controllo capillare da parte della Polizia municipale.



L'obiettivo è stato quello di verificare il rispetto puntuale della normativa che disciplina la stagione delle supersvendite.
Controlli che però non hanno fatto emergere violazioni di sorta.
«L'affluenza all'interno dei negozi è stata buona», commenta l'assessore al Commercio, Stefano Cardelli, «grazie anche alla collaborazione di quegli esercenti che hanno accolto con favore la proposta di apertura serale degli esercizi».
Su corso Umberto sono state decine le attività che hanno scelto di aprire le serrande intorno alle 18, anziché le 16 quando la maggior parte di cittadini e turisti era in spiaggia, e di chiudere intorno alle 23.30 o mezzanotte, approfittando della classica passeggiata serale alla ricerca della frescura, con tanti utenti fermi dinanzi alle vetrine illuminate pronti a farsi catturare dall'occasione.
Tra l'altro la possibilità di tenere aperti i negozi sino a mezzanotte resterà in vigore, come da ordinanza sindacale, sino al 21 settembre prossimo.
E sabato, con l'avvio dei saldi, come preannunciato nei giorni scorsi, anche in occasione della seduta della Commissione Commercio presieduta da Antonio Sabatini, sono scattati anche i controlli del nucleo Commercio della Polizia municipale, coordinato dal maggiore Domenico Ballone.
Nell'intera giornata di sabato, sono stati effettuati controlli su 23 negozi: nel mirino degli agenti c'era la corretta esposizione dei prezzi in vetrina, con l'esatta indicazione del prezzo di vendita iniziale, della percentuale di sconto e il nuovo prezzo applicato, ma anche l'esposizione della dicitura saldi e il possesso della comunicazione di adesione agli sconti inviata al Comune almeno 7 giorni prima dell'inizio delle svendite.
Su 23 esercizi controllati, soprattutto nelle vie del centro, non è emersa alcuna irregolarità: «tutti i negozi sono risultati perfettamente in regola», commenta soddisfatto Cardelli, «un dato che ci soddisfa perché testimonia il senso di responsabilità dei commercianti, i quali hanno compreso quanto sia importante rispettare il cliente per favorire il turismo, anche commerciale, sul territorio».
«E' evidente», sostiene sempre l'assessore al ramo, «che sicuramente ci saranno ancora ‘furbi' per ora sfuggiti all'occhio dei nostri agenti, e per tale ragione invitiamo anche i cittadini a fare le opportune segnalazioni alla Polizia municipale se dovessero imbattersi in situazioni anomale, situazioni che siamo pronti a reprimere a tutela degli utenti, ma anche degli stessi commercianti, la maggioranza, che operano rispettando le regole. Nel frattempo anche nei prossimi giorni proseguiranno le verifiche dei nostri agenti».
05/07/10 11.03