Metropolitana leggera Scafa-Pescara, si cercano i 110 mln destinati al progetto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1314

PESCARA. Al consiglio provinciale affrontati il problema della funzionalità della Biblioteca provinciale, i lavori sulle strade, la nomina dei rappresentanti dell’Irris e la questione della mobilità e del collegamento del capoluogo con le zone interne.



L'assemblea presieduta da Giorgio De Luca è stata chiamata a discutere diverse interrogazioni di cui due riguardanti la viabilità: il problema dello sfalcio dell'erba sulle strade provinciali (evidenziato da Antonello Linari) e quello della messa in sicurezza della SS 16 bis nel tratto del Comune di Spoltore, segnalato da Luciano Di Lorito.
Ha risposto l'assessore alla viabilità Roberto Ruggieri, il quale ha dichiarato che sono stati affidati all'esterno i lavori per lo sfalcio dell'erba impegnando 36.000 euro cui saranno presto aggiunti altri 50.000 per il proseguimento dell'opera. Ruggieri ha anche anticipato che nel prossimo bilancio 2011 verrà inserito un capitolo con un fondo di 150.000 euro dedicato esclusivamente all'attività di pulizia delle strade dalle erbe selvatiche.
In merito alle domande poste da Di Lorito sui lavori di miglioramento della SS 16 bis, Ruggieri ha risposto che entro la fine di settembre verranno aggiudicati i lavori alla ditta vincitrice del bando che sarà pubblicato entro agosto.
L'assessore alla cultura e all'istruzione Fabrizio Rapposelli è invece intervenuto sulla questione della Biblioteca, sollecitato da un'interrogazione di Antonella Allegrino nella quale si chiedeva a che punto sono gli impegni annunciati in campo culturale nel programma di governo e in particolare quali interventi si intendono realizzare per la Biblioteca provinciale. A lei ha riposto l'assessore alla Cultura, che ha illustrato i risultati raggiunti in questo anno solare, pur in presenza di tagli di parte dei fondi destinati alle attività.
«Malgrado ciò – ha detto – la biblioteca ha mantenuto il primato assoluto, in quanto a numero di ore settimanali di apertura, tra le biblioteche del centro sud d'Italia, e continua ad avere un livello di soddisfazione degli utenti pari al 98%. Dati che scaturiscono da un questionario di “customer satisfaction” somministrato ai frequentatori della biblioteca».
E' stata poi approvata all'unanimità la mozione presentata da Andrea Di Meo e dal gruppo PD sulla scarsa utilizzazione dei locali della stazione ferroviaria di Pescara centrale ( 2.000 m/q su 19.000 disponibili), nella quale si dà mandato al Presidente e alla Giunta di attivarsi per recuperare parte di quei locali inutilizzati per la comunità.
A proposito di ciò il presidente Testa ha anticipato di aver già contattato l'ingegner Luciano Frittelli, delle Ferrovie Italia, il quale «ha detto che è già pronto un progetto di riqualificazione della stazione per farne anche una destinazione commerciale, ma che tale progetto è stato osteggiato dalle organizzazioni dei commercianti pescaresi. E' attualmente in corso una trattativa con il Comune per arrivare ad una soluzione soddisfacente per tutti».

METROPOLITANA LEGGERA SCAFA-PESCARA

Approvata all'unanimità, dopo un'ampia discussione e un emendamento alla proposta iniziale, la mozione, presenta da Antonio Di Marco (Pd) sul progetto di realizzazione di una metropolitana leggera da Scafa a Pescara, per potenziare il trasporto pubblico e decongestionare il traffico.
La mozione impegna presidente e Giunta a verificare se è ancora disponibile un finanziamento di 110 milioni di euro prospettato a suo tempo dall'ex assessore ai trasporti Donato Di Matteo, e di verificare se gli attuali vertici regionali sono ancora disposti alla realizzazione di questa importante infrastruttura.
L'assessore Angelo D'Ottavio ha specificato che «la risorsa di 110 milioni di euro non è presente in nessun dei documenti di programmazione regionali approvati dalla precedente giunta regionale … e che a riguardo c'è solo una delibera di indirizzo politico di poco precedente la data delle elezioni regionali».
E' poi intervenuto il consigliere democratico Enisio Tocco, il quale ha chiesto con forza se, al di là del finanziamento sull'opera, «l'attuale giunta provinciale intende occuparsi del problema della mobilità nell'area della val Pescara, che tante conseguenze comporta per il traffico nell'area metropolitana e se il progetto può essere ancora valido».
L'assemblea ha poi nominato il nuovo consiglio d'amministrazione dell'Iris (Istituto per la ricerca e la formazione della Provincia) eleggendo presidente Vincenzo Serraiocco e componenti Francesco Verzella, Elena Di Nardo, Piero Stanchi e Francesco Ciattoni.

02/07/2010 15.45