Dalla "legge mancia" 500mila euro per il verde di Celano

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1124

CELANO. Il Consiglio Comunale nell’ultima seduta ha approvato a maggioranza la proposta di delibera riguardante il bilancio di previsione 2010 e la variazione del programma triennale dei lavori pubblici fino al 2012.


Nella delibera è contenuto, inoltre, «l'elenco annuale delle opere da realizzare nell'anno 2010» integrando lo stesso con la realizzazione di un primo lotto funzionale per un importo di 500mila euro relativo alla sistemazione di aree verdi, arredo urbano ed interventi di riqualificazione stradale
«Ritengo che sia un provvedimento unico nella storia della nostra Città», ha detto il Senatore Filippo Piccone, Sindaco di Celano nel corso del Consiglio Comunale, «una opportunità che non dobbiamo farci sfuggire. Si tratta di un finanziamento derivante dalla cosiddetta “legge mancia”, un fondo messo a disposizione dei parlamentari per progetti che abbiano rilevante valenza per il territorio».
«Dopo il via libera della Commissione Bilancio – aggiunge il Sindaco Piccone – il contributo è ora nella disponibilità del Comune di Celano che potrà utilizzarlo per realizzare una serie di interventi per la sistemazione delle aree verdi, dell'arredo urbano, magari con la messa a dimora di alberi nelle zone e nelle strade principali del paese, per un progetto che punti alla riqualificazione della rete stradale cittadina»
«Spesso si è sentito dire», ha detto ancora il sindaco Piccone, «che si dovevano rendere più accoglienti le strade di ingresso nella nostra Città, che bisognava rendere più vivibili ed i quartieri, ripristinare ed accrescere il numero di aree verdi. Con i 500 mila euro elargiti dal Governo centrale tutto ciò sarà possibile, tanto che l'assessorato all'Ambiente e manutenzione della città è già al lavoro per predisporre un idoneo progetto»
Sempre nella stessa seduta consiliare è stata recepita la legge regionale n. 16/09 (piano case) che prevede un premio di cubatura – come spiega il vicesindaco Elio Morgante – nelle ristrutturazioni e non di edifici ricadenti nel territorio comunale
«La legge», dice, «riguarda il centro storico e sarà un incentivo per i cittadini alla ristrutturazione e riqualificazione di immobili proprio attraverso il premio di cubatura. Esprimo la soddisfazione dell'Amministrazione comunale per un intervento che si prefigge di rilanciare l'economia ed il lavoro edile»

01/07/2010 14.22