Polizia penitenziaria, protesta il personale del carcere di Avezzano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1593

AVEZZANO. E’ stato di agitazione del personale di Polizia Penitenziaria del carcere di Avezzano, chiuso ormai da anni, e distaccato in altre sedi.


In una lettera indirizzata ai vertici amministrativi la Cisl annuncia la mobilitazione e denuncia le difficoltose condizioni di lavoro.
Il personale di Polizia Penitenziaria della Casa Circondariale Avezzano è attualmente distaccato senza oneri a carico dell'Amministrazione presso gli istituti di Sulmona, L'Aquila e presso la SFAP di Sulmona, causa la chiusura provvisoria dell'istituto.
La protesta annunciata dal sindacato si concretizzerà nel rifiuto ad oltranza della mensa di servizio dell'amministrazione con contemporanea proclamazione dello stato di agitazione.
«Tale presa di posizione», spiega in una nota la Cisl, «è finalizzata a protestare contro l'atteggiamento dilatorio dell'Amministrazione penitenziaria che, rispetto alla data di riapertura dell'istituto avezzanese, non da certezze al quel personale che da quattro anni, con enormi sacrifici personali, è costretto a percorrere centinaia di chilometri al giorno a proprie spese. Il personale è stanco dei continui annunci provenienti dalla stessa Amministrazione che prima annuncia la probabile riapertura nei primi giorni di aprile c.a. , poi la differisce ai primi di luglio ed infine
annuncia che non vi sono elementi oggettivi che permettono di individuare una data certa per la riapertura dell'Istituto».
Lo stato di agitazione e l'astensione della mensa di servizio proseguirà ad oltranza fino a quando
l'amministrazione «non darà certezze sulla data di riapertura della Casa Circondariale di Avezzano», e si preannuncia, sin d'ora, in caso di mancato risconto alle giuste aspettative del personale, «l'inasprimento dell'azione di protesta con l'organizzazione di un Sit-In davanti la Casa Circondariale di Avezzano entro la prima decade di luglio, con il coinvolgimento delle autorità politiche ed istituzionali locali».

30/06/2010 8.57