Sono tornate le magnolie in piazza Salotto

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1142

PESCARA. Ieri pomeriggio l’amministrazione comunale ha effettuato la sistemazione di due grandi piante, alte oltre cinque metri, sul lato nord della piazza.



Sono state così 'rimpiazzate' le due storiche palme rimosse lo scorso 28 maggio in quanto uccise dal punteruolo rosso e pericolanti.
«Purtroppo – ha spiegato il sindaco Albore Mascia – esattamente un mese fa i tecnici dei nostri uffici non hanno potuto evitare la rimozione delle due storiche palme poste sul lato nord di piazza della Rinascita, palme le cui condizioni erano ormai irrimediabilmente compromesse».
Durante gli interventi di riprogettazione della piazza, sei anni fa, la vecchia amministrazione decise di eliminare le vecchie sedute di marmo che circondavano e coprivano la base delle palme, garantendo l'equilibrio attraverso quattro cavi d'acciaio ancorati a terra.
«Con il tempo però», ha spiegato Mascia, «quei cavi si sono logorati, in alcuni casi si sono spezzati, lasciando oscillare le palme a ogni alito di vento, piante che tra l'altro, con la demolizione delle sedute, mostravano ormai anche le proprie radici completamente scoperte».
Il colpo di grazia è arrivato con il punteruolo rosso che, come già avvenuto sulla riviera, in piazza Primo Maggio e lungo la strada-parco, ha attaccato anche le due palme storiche, ormai malate.
«A questo punto», ha spiegato il sindaco, «i nostri agronomi hanno chiesto l'immediato abbattimento delle due piante per ragioni di pubblica incolumità, operazione avvenuta il 28 maggio scorso. In un mese abbiamo cercato sul territorio per individuare piante già adulte, ma sufficientemente forti da sopportare lo stress di un trasloco in piena estate, con relativa piantumazione».
Ieri l'obiettivo è stato centrato: alle 16 in punto gli operai hanno trasferito in piazza due magnolie alte cinque metri ciascuna e, dopo aver realizzato lo scavo necessario per far scendere la base e le radici delle piante, hanno sistemato i due alberi e ripreparato il terreno.
«L'impresa – ha proseguito il sindaco Albore Mascia – ci garantirà ora la manutenzione ordinaria delle due magnolie per un anno, mentre già oggi sul posto interverranno gli operai del Comune per realizzare un piccolo cordolo di protezione tutt'attorno alle piante, necessario per impedire l'accesso degli animali sull'aiuola che, nel frattempo verrà riempita di fiori».

29/06/2010 10.18