Nello Spazio ora c'è anche il pianeta Marrucino 7515

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2427

Nello Spazio ora c'è anche il pianeta Marrucino 7515
SAN MARTINO. San Martino sulla Marrucina continua nel suo cammino di sviluppo culturale e promozionale e questa volta esagera, andando letteralmente in orbita nello spazio.

La International Astronomic Union, il solo istituto al mondo autorizzato a battezzare i corpi celesti ha assegnato il nome di “Marrucino 7515” ad un pianetino in orbita tra Marte e Giove in onore della cittadina martinese.
Si tratta di un grandissimo riconoscimento che solo pochissime cittadine in Abruzzo e pochi comuni così piccoli in Italia possono vantare.
Marrucino ha un periodo di rivoluzione di 1336 giorni, una massa di 500 miliardi di tonnellate ed un diametro di 7,3 chilometri quadrati (casualmente è la stessa superficie del territorio martinese).
Tra le motivazioni del battesimo redatte dal Minor Planet Center dell'Osservatorio Astronomico Smithsonian di Cambridge spiccano le peculiarità dell'antico popolo marrucino che viveva nel territorio di San Martino, il famoso vino prodotto nella cittadina e la figura dei polverieri tipica del paese.
Il pianetino è stato scoperto il 5 marzo 1986 dall'astronomo martinese Giovanni de Sanctis, che lavora presso l'osservatorio di Primo Torinese.
Lo studioso nel corso della sua carriera ha scoperto piu' di 40 asteroidi (alcuni insieme al famoso astronomo belga Debehogne come quelli intitolati a Isnello, Torino, Persiceto ed Alba ed altri in solitario come Majella e Marrucino), ha effettuato numerose campagne osservative dedicate allo studio dei corpi minori del Sistema Solare e di Plutone, utilizzando telescopi nazionali, francesi e dell'Osservatorio Australe Europeo, ha all'attivo numerosi articoli pubblicati su riviste scientifiche internazionali ed in suo onore l'I.A.U. ha attribuito il nome “De sanctis” all'asteroide 3.268.
«Nel 1986 erano tempi in cui», spiega De Sanctis, «venivano utilizzate le lastre fotografiche, pazientemente esposte per ore alle luci del cosmo, quando ancora si scoprivano pianetini di buone dimensioni e non quelli piccoli attuali, simili a rottami interplanetari. Si era ancora nel periodo eroico dell'astronomia, quando contava moltissimo la passione e non vi erano ancora i telescopi automatici attuali. L'intitolazione di Marrucino è per me un atto di amore verso la mia amata cittadina e la mia gente».
Ma come avviene il "battesimo" di un pianetino?
Lo scopritore puo' suggerire il nome alla International Astronomical Union (USA) che valuta la proposta e se la ritiene valida la approva, anche in base alle motivazioni e peculiarità della scelta del nome.
Saggiamente è proibito attribuire nomi di uomini politici o di interesse commerciale.
All'inizio tutti i nomi furono femminili e l'apertura al sesso maschile avvenne nel 1898 con Eros. Poi arrivarono nomi di scienziati, scrittori e territori.
«Si tratta di un grande onore per San Martino considerando anche che la scoperta è stata fatta da un figlio della nostra terra- commenta Marco Pantalone, presidente della Corporazione Sancti Martini, associazione per lo studio del patrimonio storico e tradizionale martinese e che ha collaborato alla presentazione della scheda per l'intitolazione- si parla della nostra cittadina e della nostra gente, delle nostre antichissime origini e delle nostre peculiarità che ci distinguono in Italia e nel mondo. Una ulteriore occasione di riflessione sulla nostra storia e sulla nostra gente. Come Corporazione-prosegue Pantalone- abbiamo creato un logo apposito che in futuro speriamo possa essere adottato da altre cittadine che hanno un pianetino o un asteroide, in modo da creare scambi e d iniziative tra i vari paesi. Ad esempio alcune Città del vino come Barolo, Barbaresco ed Alba hanno tutte un pianetino dedicato e sarebbe una buona idea creare una via “Enoica” di gemellaggio che si possa affiancare alla “via Lattea” nello spazio».
Il certificato di consegna dell'attestato che ufficializza la dedica, rilasciato dalla Russian Accademy of Sciences, verrà consegnato dall'astronomo De Sanctis, al sindaco di San Martino sulla Marrucina durante una cerimonia che si terrà il 24 luglio in occasione dell'evento “San Martino borgo di..vino”.

28/06/2010 18.07