Francesco De Cicco neo vicario della Questura di Teramo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

900

TERAMO. De Cicco è stato nominato dal Capo della Polizia Vicario del Questore di Teramo e prenderà servizio il prossimo 28 giugno.



Proviene dalla Questura di Pescara dove dal dicembre 2008 aveva svolto le funzioni di Capo di Gabinetto.
Nato a Napoli 49 anni fa, laureato in Giurisprudenza e Scienze delle Pubbliche Amministrazioni, è entrato in polizia nel 1988.
Dopo il corso di formazione, presso l'istituto Superiore di Polizia, viene assegnato alla Squadra Mobile della Questura di Torino.
Nei sette anni di permanenza in quella sede si occupa di inchieste sul racket delle estorsioni, sul traffico di droga, sullo sfruttamento della prostituzione e sulla cattura dei latitanti.
Nel 1996 viene trasferito ad Agrigento dove dirige per tre anni la Squadra Mobile. In quegli anni conclude, in particolare, importanti indagini coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Palermo diretta da Giancarlo Caselli, che porteranno all'arresto di oltre 80 boss appartenenti a “Cosa Nostra” agrigentina.
Dopo una breve parentesi di quasi un anno e mezzo, nel corso della quale dirige il Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica per la Toscana, nell'agosto del 2000 viene assegnato allo Sco — il Servizio Centrale Operativo-.
Per cinque anni coordina indagini sull'immigrazione clandestina ed il traffico degli esseri umani; viene designato dal Vice Capo della Polizia- Direttore centrale della Polizia Criminale- consulente dell'UNICRI (l'Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa del crimine e della giustizia); in tale veste partecipa, quindi, ad un progetto che si prefigge, tra gli altri obiettivi, quello di migliorare la cooperazione investigativa con la Nigeria per contrastare più efficacemente la tratta di donne e bambini da quel Paese africano verso l'Italia.
Nel 2005 viene nominato primo dirigente e continua, con il nuovo incarico, la sua esperienza presso lo SCO coordinando altre importanti inchieste a livello nazionale ed internazionale.
Concorre ad identificare ed arrestare gli autori dell'omicidio del piccolo Tommaso Onofri sequestrato a soli 18 mesi in provincia di Parma, nel marzo 2006, e barbaramente assassinato dai suoi carcerieri.

28/06/2010 10.20