Festa della Gdf: scoperti evasori totali, si fanno largo le… figlie d’arte

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2956

TERAMO. Il ringraziamento per «aver imposto una immagine di affidabilità e professionalità» a tutti i reparti abruzzesi della Guardia di Finanza, è stato rivolto dal generale di brigata, Angelo Antonio Quarato, nel suo discorso di apertura delle celebrazioni regionali del 236° anniversario della fondazione del Corpo, svoltesi oggi pomeriggio nella caserma Costantini di Teramo.



Si è trattato anche del saluto da parte del comandante regionale Abruzzo che nei prossimi lascerà il comando per passare ad altro incarico.
Quarato ha sottolineato come nella regione la risposta della Finanza «al contrasto della criminalità finanziaria è stata forte e incisiva: nei primi cinque mesi dell'anno a fronte dei 6.100 controlli fiscali già eseguiti dai reparti è stato possibile portare alla luce per il recupero a tassazione, un imponibile di circa 280 milioni di euro e constatare violazioni ai fini dell'iva per oltre 35 milioni».
Le fiamme gialle hanno scovato 78 evasori totali e identificati 200 lavoratori in nero e irregolari.
E' stata una festa che ha visto un'ampia partecipazione, non solo delle autorità - c'erano il governatore Chiodi e i prefetti dei quattro capoluoghi, i procuratori di Pescara, Trifuoggi e di Teramo, Ferretti -, delle famiglie dei finanzieri ma anche molti cittadini ai quali sono state spalancate le porte della caserma teramana.
«Teramo è stata scelta per continuare quell'iter ideale - ha aggiunto Quarato - un viaggio fantastico attraverso questa regione che lascia un'impronta impressa nell'anima, così come la mia esperienza in questa terra d'Abruzzo rimarrà in me in maniera definitiva».

I NUMERI DELL'EVASIONE

Nei primi 5 mesi di quest'anno è stata intensa l'attività di intelligence internazionale legata al contrasto dell'evasione fiscale da parte dei reparti abruzzesi della guardia di Finanza.
E' stata accertata la violazione all'iva, per fatture false, per oltre 1,6 milioni di euro, circa 4 milioni di euro di base imponibile sottratta alle imposte dirette, 2 milioni di Iva dovuta e non versata. Nel campo della lotta alla contraffazione, 29 sono state le violazioni accertate con 56 interventi, 30 soggetti verbalizzati, con il sequestro di 71.000 supporti magnetici di pirateria audiovisiva, 600 marchi e 2.500 capi di abbigliamento ed accessori, 300 capi in pelle e altri articoli contraffatti. Mirati controlli antidroga hanno permesso il sequestro di oltre 75 chili di sostanza stupefacente, la denuncia di 63 persone e l'arresto di altre 29. In materia di legislazione antimafia sono stati svolti accertamenti patrimoniali che hanno consentito il sequestro di un immobile e 5 autovetture, per un valore pari a 300mila euro e la confisca di 15 beni immobili e 11 macchine per un ammontare superiore a 1,5 milioni di euro. Intensa l'attività di controllo ambientale, svolta in collaborazione con l'Arta dal reparto operativo aeronavale delle fiamme gialle abruzzesi: nei primi 5 mesi sono stati 116 gli interventi con la denuncia di 25 persone e il sequestro di un immobile abusivo, 2 aree per complessivi 2.500 metri quadrati, 8 cassoni carrabili e un autospurgo con 4 cisterne interrate.

La Compagnia di Pescara della Guardia di finanza è stato il reparto che si è distinto maggiormente, nel 2009, per «l'elevato rendimento conseguito nell'espletamento dei compiti di polizia economica e finanziaria» e per questo il capitano Alfonso Rossi, comandante della compagnia, ha ricevuto il diploma d'onore dalle mani di un ufficiale particolare: il tenente Jennifer Maria, sua figlia.
E' stato uno dei momenti più toccanti e ricchi di significato della festa regione per il 236° anniversario della fondazione del Corpo della Guardia di finanza.
Così come quando Elisea Micelli, figlia del comandante della compagnia di Giulianova, ha consegnato a Opla, splendido esemplare di pastore tedesco nero, e al suo conduttore, il vice brigadiere Mauro Di Festa, entrambi in servizio nel reparto giuliese, l'attestato di merito e il collare-premio: Opla ha al suo attivo il recupero di 2 chili di cocaina, ha permesso l'arresto di 10 persone, la denuncia di altri 7 e la segnalazione come consumatori di altri 58. Particolare commozione è stata vissuta con la consegna dell'encomio solenne all'appuntato scelto Marco Lostia e al brigadiere Roberto Carosa, per aver impedito il suicidio di un uomo che il 9 settembre scorso si stava lanciando dal viadotto di Pietrasecca dell'autostrada A-24.
26/06/2010 9.54