Furti in appartamento, in manette quattro pregiudicati

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1530

PESCARA. Una lunga serie di furti perpetrati in vari comuni dell'area Vestina: in manette sono finite quattro persone nell'ambito dell'indagine ribattezzata 'Porta a porta'.


Quattro pregiudicati rom sono stati arrestati questa mattina dai carabinieri della compagnia di Penne per dei furti effettuati nell'area vestina.
Si tratta di Guerino Spinelli, 43 anni di Spoltore, Guerino Di Rocco, 50 anni, Federico Bevilacqua, 35 anni, e Arcangelo Spinelli, 32 anni, tutti di Pescara.
I carabinieri sono intervenuti su disposizione del gip della procura di Pescara Guido Campli che ha firmato l'ordinanza di custodia cautelare in carcere.
Le quattro persone finite in manette sono accusate di aver effettuato dei furti ai danni di anziani nei comuni di Montebello di Bertona, Civitella Casanova, Villa Celiera e Penne dal 28 aprile in poi.
Tutti episodi regolarmente denunciati su cui gli inquirenti stavano indagando da tempo.
In base agli accertamenti dei militari, che hanno effettuato le indagini "porta a porta" (di qui il nome della operazione di oggi), sarebbero quattro i furti di cui devono rispondere gli arrestati. Un paio di colpi, invece, sarebbero solo stati tentati ma non sarebbero andati a buon fine.
In una occasione l'anziano vittima del furto e' stato spintonato violentemente per cui si tratta di rapina.
I ladri, che entravano in casa con dei pretesti o fingendo di dover leggere i contatori di luce e gas, cercavano solo denaro o oro e sono riusciti a portare via circa 25mila euro.
Una collaborazione importante, durante le indagini, è arrivata dalle vittime e dai vicini di casa che hanno fornito anche dei numeri parziali di targa delle auto dei malviventi, come ha riferito in conferenza stampa il capitano Massimiliano Di Pietro.
Indizi importantissimi che hanno sicuramente facilitato le indagini.
La refurtiva però non e' stata ritrovata. Per il momento le vittime si devono accontentare nel sapere che i presunti responsabili sono stati presi.
25/06/10 11.47