Lunedì in Comune la festa per la vittoriosa Pescara Calcio

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1520

Lunedì in Comune la festa per la vittoriosa Pescara Calcio
PESCARA. Lunedì il Comune nella sala consiliare (ore 12), premia la squadra del Pescara che sette giorni fa, dopo l'incontro con il Verona è tornata in serie B.


«Domenica scorsa – ha ricordato il sindaco Albore Mascia – abbiamo registrato una partecipazione straordinaria di pubblico, non solo allo Stadio, gremito con i suoi 22mila spettatori che costituivano uno spettacolo indimenticabile sugli spalti, il pubblico delle grandi occasioni, ma anche nelle ore successive nella festa organizzata per una promozione sofferta».
Una vittoria arrivata dopo sei anni di ‘inferno' con tre retrocessioni in serie C, un ripescaggio e infine il fallimento della società che ha fatto segnare il momento più basso del calcio pescarese.
Poi è iniziata la risalita, «con l'arrivo di imprenditori pescaresi», ha sottolineato il primo cittadino, «che hanno risollevato le sorti della squadra, creando anche un rapporto con la città stessa che ha ripreso ad amare quei colori».
Ma la promozione del Pescara in serie B è stato un successo non solo per la città, ma per l'intera provincia e per la regione tutta.
Per questo Comune e Provincia hanno organizzato un festeggiamento congiunto che probabilmente, vista l'affluenza prevedibile che ci sarà di tifosi e giovani (considerando anche che le scuole sono chiuse per ferie), andava organizzata in uno spazio più ampio (magari proprio allo Stadio) o all'aperto per fare in modo che la festa non si trasformi in una ressa ingestibile.
Ma al momento le direttive sono altre.
«Lunedì», ha spiegato Mascia, «nella sala consiliare ci ritroveremo tutti per una cerimonia ufficiale, sobria, ma festosa, con la convocazione formale di consiglieri e assessori comunali, una cerimonia che testimonierà la vicinanza delle Istituzioni alla nostra squadra di calcio. Ovviamente il nostro obiettivo è quello di non fermarci alla B, ma di puntare alla massima serie, la A, come merita Pescara che ha tutti i numeri per competere con gli altri centri urbani».
«La squadra del Pescara – ha ribadito il presidente Testa – è un patrimonio di tutta la regione, e per tale ragione l'invito alla cerimonia sarà esteso anche ai 45 sindaci della provincia. Oggi celebriamo un successo partito da lontano e già quest'anno avremo modo di ospitare tifosi provenienti da città come Torino, Modena, Bergamo, consentendo loro di conoscere meglio il nostro territorio».

19/06/2010 11.27