Luna Park Montesilvano, monta la protesta dei residenti di via Strasburgo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4823

Luna Park Montesilvano, monta la protesta dei residenti di via Strasburgo
MONTESILVANO. L’amministrazione comunale chiede un sacrificio di 60 giorni ai residenti di corso Strasburgo: il luna park sotto casa per tutta l’estate.
Forse troppo. Sta montando la protesta dei cittadini che si vedranno tra pochi giorni costruire il rumoroso luna park proprio sotto le loro finestre che d'estate spesso rimangono aperte.
È scattata una raccolta firme ed una petizione da sottoporre al sindaco che comunque è già stato informato e ieri ha effettuato un sopralluogo nella zona (come se ci fosse bisogno di un sopralluogo per rendersi conto…)
Fatto sta che ai residenti che lo hanno accompagnato Cordoma si è mostrato irremovibile ed avrebbe spiegato che la decisione ormai è stata presa.
L'ubicazione è stata mutata rispetto al passato (nella zona del canile) proprio in conseguenza delle feroci proteste dei residenti che si erano lamentati per i trambusto continuo.
Ora però l'amministrazione sembra decisa a mettere il parco divertimenti qui ed alternative pare non ce ne siano.
Una posizione che non piace e che porterà via la tranquillità delle serate estive da passare sui balconi.
Altro problema sollevato dai residenti, ed ignorato dal Comune, è la vicinanza con il teatro del mare dove d'estate si tengono spettacoli che potrebbero pure essere turbati dal frastuono di giostre e attrazioni varie
La sensazione è che la protesta è appena all'inizio e probabilmente monterà.
I residenti vogliono capirne di più e sapere chi ha preso la decisione ed in base a quali parametri e logiche.
Tra le altre cose gli stessi cittadini da almeno 10 giorni stanno tentando di contattare, senza riuscirci, l'Arta per sollecitare dei controlli audiometrici e verificare se l'area verde indicata può essere idonea e rispetta tutte le norme sull'inquinamento acustico.
Il problema è che l'Arta risulta isolata da giorni a causa di un guasto ai telefoni che non si è ancora risolto.
La delusione però per i residenti è tanta perché hanno tentato la strada del dialogo che pare sia naufragata sperando in un buon senso che non è arrivato.
Ora si tenta la carta della petizione e della conseguente diffida formale che potrebbe indurre il sindaco Cordoma a qualche riflessione in più.
Possibile che nel Comune di Montesilvano non esistono aree idonee e lontane dalle abitazioni?
Se non ce ne sono allora occorrono molte riflessioni in più.

17/06/2010 10.15


Visualizzazione ingrandita della mappa