Dopo Mascia arriva Testa, Allegrino: «48 mila euro per il suo staff»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2886

PESCARA. Approda nel Consiglio Provinciale di oggi una variazione di bilancio di 98 mila euro. TESTA: «SONO ALLIBITO»
Di questi, 50 mila euro per lavori di sfalcio delle erbe sulle strade provinciali.
«Benissimo», commenta Antonella Allegrino, capogruppo IdV alla Provincia di Pescara, che però sottolinea: «sugli altri 48 mila euro Testa, come appena accaduto col sindaco Mascia, ha pensato bene di assegnarli a sé stesso, cioè all'Ufficio di presidenza per l'espletamento delle proprie attività e per finanziare acquisto di beni, prestazioni di servizi e contributi ad associazioni ed enti vari: questi ultimi per 20.000 euro. Su questo punto manifestiamo la nostra assoluta contrarietà!».
I 48.541 euro verranno prelevati da maggiori entrate, derivanti da maggiori trasferimenti
erariali.
«E' il momento», puntualizza l'Allegrino, «di aggiungere invece soldi a settori che ne hanno un bisogno vitale, in particolare sul sociale e sulla cultura tremendamente penalizzati dai governi nazionale e regionale di centrodestra».
Per questo l'Idv ha presentato un emendamento. «Per la precisione», spiega Allegrino, «24 mila euro dovranno essere destinati al trasporto per i disabili, dando la priorità a quei comuni sotto i 3.000 abitanti che da soli non riuscirebbero a garantire un servizio indispensabile per le famiglie che vivono già una situazione particolarmente difficile; gli altri 24 mila euro dovranno essere destinati alla biblioteca provinciale che rischia di dover ridurre drasticamente, a partire da luglio in
poi, i propri servizi ai numerosi utenti fortemente penalizzati dall''attuale amministrazione che per la cultura ha decurtato il 70% delle risorse stanziate negli anni precedenti».
«Insomma, la proposta avanzata dalla Giunta di utilizzare ben 48 mila euro per l'Ufficio di Presidenza e per associazioni di vario genere senza peraltro predisporre bandi, ma agendo in maniera del tutto discrezionale», conclude la Allegrino, «risulta inaccettabile davanti ad una crisi tremenda che sta mettendo in ginocchio gli enti locali, soprattutto i piccoli comuni, e che sta
tagliando ogni forma di sostegno al sociale e alla cultura. La Provincia ha il dovere di sostenere questi tipi di servizi in un momento così difficile: acquisto di beni, prestazioni di servizio e contributi vari ad opera dell'Ufficio di Presidenza non sono delle priorità per i cittadini, quindi possono attendere».

TESTA: «SONO ALLIBITO»

«Ancora una volta le dichiarazioni del consigliere dell'Idv Antonella Allegrino mi lasciano a bocca aperta», replica il presidente Testa. «Annuncia di sapere alla perfezione come spenderemo 48 mila euro destinati, con una variazione di bilancio, all'Ufficio di presidenza. Sa già che erogheremo a pioggia dei contributi alle associazioni, sa già che non predisporremo bandi per l'elargizione di queste somme: insomma, Allegrino si sente molto presidente della Provincia e già ha predisposto tutto per il futuro».
«Mi dispiace riportarla alla realtà», continua Testa, «e spiegare al consigliere che i fondi in questione non sono affatto destinati allo staff, come vorrebbe far credere lei, ma serviranno a finanziare dei progetti specifici, anche a favore dei Comuni, oltre l'acquisto di beni e servizi. Nessuno sperpero, stia sicura, anzi abbiamo deciso di destinare queste somme alla presidenza proprio per evitare di parcellizzarle tra i vari assessorati».
Per Testa la consigliera Allegrino «si preoccupa di questi fondi, che sono di gran lunga inferiori a quelli destinati dal mio predecessore alle stesse voci, ma dimentica che tra pochi giorni la Provincia di Pescara potrebbe trovarsi a pagare un debito da capogiro che mai nessuna amministrazione è stata in grado di creare e cioè quello nei confronti di Edoardo Barusso, l'ex direttore generale che pretende da questo ente circa un milione e settecento mila euro».

11/06/2010 8.27

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK