Amici Beppe Grillo contro parcheggi sui marciapiedi, scatta petizione on line

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1033

PESCARA. L'associazione Pescara in comune by Amici di Beppe Grillo ha lanciato una petizione on line per ribadire la contrarietà ai parcheggi sui marciapiedi del lungomare nord.

«Alla vigilia di una nuova stagione estiva», commentano dall'associazione, «continuano a essere invasi dalle auto, dopo l'ordinanza scellerata dello scorso anno in cui la giunta Mascia, appena insediata, permetteva alle auto di parcheggiare sopra i marciapiedi, con tanto di segnaletica».
Con la petizione si chiede all'amministrazione comunale, così come previsto dal codice della strada, che le autovetture non possano parcheggiare né circolare sul marciapiede: «questo dovrà quindi essere destinato alla sua naturale vocazione, vale a dire ad essere un'area esclusivamente ciclo-pedonale».
Per gli Amici di Beppe Grillo, infatti, «la misura di emergenza adottata lo scorso anno non può essere considerata un servizio alla cittadinanza ma l'esatto contrario, in quanto, di fatto, annulla la possibilità di utilizzo del marciapiede ai loro normali fruitori (pedoni e cicli che si recano presso i relativi stabilimenti balneari), rendendo quel tratto di riviera un'unica grande carreggiata concretamente molto rischiosa per il passeggio e per gli stessi cittadini e/o turisti che si recano al mare».
Il gruppo porterà tutte le firme raccolte al sindaco Albore Mascia per chiedergli un impegno concreto affinché il lungomare venga interdetto alle auto.
«Siamo a conoscenza di un impegno che il sindaco avrebbe preso in tal senso», continua l'associazione. «Essendo già il lungomare frequentato da ciclisti e bagnanti, ci auguriamo che il sindaco approvi l'ordinanza di chiusura alle macchine del marciapiede il prima possibile; in caso contrario porteremo le firme della petizione direttamente a Palazzo della Città per chiedere spiegazioni al sindaco».
«Il futuro», chiude l'associazione, «è nella mobilità sostenibile, e non nel portare sempre più auto all'interno della città».

07/06/2010 11.10