Viadotto dei suicidi A14: l’Anas mette la rete di protezione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2490

TORTORETO. Via libera di Anas e societa' Autostrade all'installazione delle rete antisuicidi lato nord del viadotto del Salinello sull'A14 Bologna -Taranto nel territorio di Tortoreto

L'impegno e' stato assunto ufficialmente ieri a Pescara a conclusione di un incontro fra Provincia di Teramo, il dirigente nazionale dell'Anas , Placido Migliorino e Mario Cavallaro direttore del settimo tronco della Societa' Autostrade dopo le sollecitazioni del vicepresidente Renato Rasicci e dell'assessore all'ambiente Francesco Marconi.
Il progetto sara' redatto quest'estate per essere sottoposto all'attenzione della Provincia e inserito nel bilancio dell'Anas a novembre. I lavori partiranno a gennaio 2011.
«Dobbiamo dare atto della disponibilita' e dell'attenzione mostrata dai vertici delle due societa' che hanno concordato sul fatto che la messa in sicurezza del viadotto autostradale non e' progetto rinviabile», dichiarano gli amministratori provinciali Rasicci e Marconi che negli ultimi giorni si sono incontrati sia con i Sindaci dei Comuni coinvolti che con i rappresentanti delle forze dell'ordine e della polizia stradale per comprendere l'entita' de fenomeno.
Da quando e' stato costruito, 45 persone hanno cercato la morte gettandosi nel vuoto dal viadotto del Salinello: «Siamo di fronte ad un problema dai risvolti drammatici e per scoraggiare i tentativi di suicidio vanno installate subito le reti di protezione anche sul lato nord del viadotto - concludono gli amministratori. Siamo soddisfatti degli impegni assunti da Anas e Societa' Autostrade ma continueremo a monitorare i passaggi tecnici e amministrativi in maniera da assicurare nei tempi promessi una positiva conclusione di questa vicenda».

05/06/2010 9.06