Teramo in bici nel fine settimana, pensando al Giro d'Italia 2011

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1025

TERAMO. «Una provincia in bicicletta. Un’ambizione, la nostra, che poggia su una solida pianificazione programmatica e su un deciso impegno politico aministrativo».


Una pista ciclopedonale che una volta terminata collegherà tutti i sette comuni della costa teramana. Una ciclabile che dal capoluogo raggiunga il mare.
E l'idea che porta avanti senza dubbi Valter Catarra, presidente della provincia di Teramo che sostiene la struttura organizzativa della Gran Fondo Città di Teramo con in testa Raffaele Di Giuseppe, che per il primo anno ha la sua location nel capoluogo.
Inoltre proprio in occasione della conferenza stampa di presentazione della manifestazione, Giuseppe Di Michele assessore provinciale allo sport, ha annunciato di aver contattato Angelo Zomegnan, responsabile delle organizzazioni sportive Rcs, per ufficializzare la candidatura della città di Teramo ad ospitare una tappa del Giro d'Italia 2011.
Intanto Sabato 5 giugno, in Piazza Martiri della Libertà sarà istituita la location della manifestazione e i ciclisti (dalle 14,30 alle 20) potranno ritirare i dorsali e il ricco pacco gara, che per regolamento viene consegnato a tutti quel ciclisti che hanno effettuato regolare iscrizione. Nonostante l'inclemenza del tempo e le numerose manifestazioni concomitanti con l'appuntamento continentale teramano, oltre trecento sono le iscrizioni pervenute a patron Raffaele Di Giuseppe. La consegna dei pacchi gara continuerà anche nella mattina di domenica, dalle 06,30 sino alle 08,30 quando verrà abbassata la bandiera a scacchi.
Due i percorsi di gara proprosti dall'organizzazione.
Il primo, quello della Medio Fondo misura 85 km e non prevede particolari difficoltà altrimetriche «un percorso di gara che possono affrontare anche i ciclisti meno preparati – afferma Wladimiro D'Ascenzo – che pedaleranno sino agli ultimi undici chilometri finali, in località Montorio avverrà la divisione dei due percorsi di gara, al finaco di quei ciclisti che opteranno per la Gran Fondo , prima di far ritorno a Teramo per la conquista del successo finale».
Saranno invece i ciclisti partecipanti alla Gran Fondo a lottare per la conquista del titolo europeo Gran Fondo. Oltre al vincitore assoluto della prova, che risulterà anche il vincitore della categoria di appartenenza, vestiranno la maglia blu con l'effige della Comunità Europea anche i vincitori di ciascuna delle categorie in cui sono suddivisi i ciclisti al via. vedrà i partecipanti affrontare
La Gran Fondo invece si diputerà sulla distanza di 135 km che porterà i ciclisti nel finale ad affrontare l'impegnativa salita di Crognaleto per poi far ritorno a Teramo.

04/06/2010 15.36