Traffico d'armi e droga, in manette tre pescaresi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3430

PESCARA. Una operazione dalle grandi dimensioni è stata condotta tra Pescara, Montesilvano, Venezia, e Montenero di Bisaccia (Campobasso) dai carabinieri di Montesilvano e del Nucleo Investigativo di Venezia per contrastare il traffico e la detenzione illecita di armi.
Quattro gli arresti effettuati in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip presso il Tribunale di Venezia, Antonio Liguori.
I militari dell'Arma hanno così arrestato Francesco Bersano, operaio di 45 anni, nato in Belgio e residente a Montesilvano, Paolo De Flaviis, 32enne, residente a Città Sant'Angelo e Massimo Starinieri, 25enne, anche lui residente a Città Sant'Angelo.
I tre arrestati sono stati rinchiusi in carcere, a Pescara, a disposizione dell'autorità giudiziaria veneziana e pescarese.
Nel corso dei mesi gli inquirenti sono riusciti a ricostruire tutta la vicenda, partita ad ottobre del 2009, quando De Flaviis avrebbe utilizzato documenti di identità e licenze di porto d'armi abilmente contraffatti per acquistare 13 pistole di grosso calibro, 2 revolver, un fucile a pompa e svariate centinaia di munizioni di vario calibro, che avrebbe poi ceduto a terzi facendosi pagare grosse somme di denaro.
Gli acquisti sarebbero avvenuti presso armerie e da privati. Sono in corso le indagini per verificare la reale destinazione delle armi acquistate e l'identità di tutte le persone alle quali l'uomo le ha cedute, e per verificare se siano state utilizzate per commettere delitti.
Il primo reato sarebbe stato commesso in provincia di Venezia e le indagini sono partite da un controllo effettuato in provincia di Ferrara, a Copparo.
Durante le perquisizioni domiciliari eseguite a carico di altre cinque persone indagate nell'ambito della stessa inchiesta sono stati rinvenuti e sequestrati 70 proiettili di vario calibro, illegalmente detenuti, trovati dai militari a Montesilvano, nell'abitazione di una coppia di coniugi incensurati. Individuati anche circa 700 grammi di hascisc, suddivisi in panetti da 100 grammi, due bilancini di precisione e 2.000 euro in contanti: questo materiale era in un'abitazione di Pescara nella disponibilità di De Flaviis e con lui in casa i carabinieri hanno trovato anche il terzo uomo, Starinieri, per cui i due sono stati arrestati in flagranza per detenzione di sostanze stupefacenti.
All'operazione ha partecipato il personale delle altre Compagnie Carabinieri territorialmente competenti e del Quinto Nucleo Elicotteri di Falconara Marittima (Ancona) e del Nucleo Cinofili di Chieti.
04/06/2010 11.2010