E' nato il brodetto silvarolo, quando il turismo parte a tavola

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1921

E' nato il brodetto silvarolo, quando il turismo parte a tavola
SILVI. Con il patrocinio del Ministero dell’Agricoltura, presentato il piatto tipico di Silvi e una serie di iniziative per la sua promozione e valorizzazione.
La tipicità del brodetto silvarolo è nella scelta del pescato, celebre per il suo gusto derivato dalla scelta attenta di ogni singolo pesce: le panocchie, le zanchette, la tracina, le triglie, la razza, il palombo, la seppia, tipologie derivanti dal pescato “povero”, ai quali si aggiunge in seguito, negli anni, un pesce più ricco e proponibile per le tavole dei ristoranti come la rana pescatrice, la sogliola, il sampietro, gli scampi, cozze e vongole.
Il brodetto alla silvarola si caratterizza per la preparazione semplice, nella quale non vengono utilizzati soffritti, né aggiunti acqua, brodo o aceto.
Il pesce viene cucinato intero e un ruolo fondamentale è svolto dall'olio extra vergine d'oliva e il pomodoro di conserva, meglio se fresco e fatto in casa.
Importante anche la scelta degli odori e delle spezie quali basilico, peperone, dolce, peperoncino piccante, prezzemolo aglio e cipolla.
Il pesce all'interno della pentola non va assolutamente rigirato ma soltanto trizzicato (delicatamente scosso).
Nella conferenza stampa, svoltasi questa mattina, nella sala consigliare del comune di Silvi, il progetto è stato illustrato dal vice sindaco Enrico Marini, dall'assessore al Turismo, Annapaola Mazzone, dall'assessore alla cultura, Luciana Di Marco, e Luigi Valentini, preside dell'Istituto Alberghiero “Di Poppa” di Teramo che ha collaborato all'iniziativa.
Presente anche Bernardo Rabbuffo, consigliere regionale e membro della commissione Agricoltura, che parteciperà al convegno di domani.
Per la prima volta Silvi, località con una grande storia marinara e una storica cultura ittica, sancisce il suo piatto tipico, “Il brodetto silvarolo” (Lu vridittucce silvarole), pietanza autentica proveniente dall'antica tradizione marinara.
Subito dopo la stesura del progetto e il riconoscimento ministeriale, il progetto, appena divenuto realtà, si è posto l'obiettivo di stimolare una percezione del patrimonio gastronomico e agrolimentare di Silvi come un complesso di specificità profondamente legate ed integrate tra loro.
Con l'evento saranno create occasioni di esperienza che avvicinino i prodotti di Silvi al pubblico, attraverso un'opera di informazione, sensibilizazzione e tasting.
Ecco perché, l'intento principale è fare del prodotto ittico e della tradizionale gastronomia di Silvi una leva ad alto potenziale per attrarre ed incrementare i flussi turistici sia italiani che esteri. L'assessore al Turismo Annapaola Mazzone, illustrando l'iniziativa, insieme al vice sindaco Enrico Marini, ha detto che «il turismo non è solo pianificazione turistica, sotto l'aspetto promozionale e ricettivo, ma è anche la capacità di veicolare un prodotto tipico e attorno a questo creare un'aspettativa in grado di veicolare le caratterstiche di un territorio e di un prodotto. Creare un marchio enogastronomico ha una forte valenza turistica che promuoveremo in ogni sede» mentre l'assessore alla cultura, Luciana Di Marco, ha specificato che «è stato fondamentale la collaborazione tra la nostra amministrazione comunale e l'istituto Di Poppa di Teramo che ci ha fornito con le proprie conoscenze un prezioso contributo nel raggiungere questo risultato. Questo marchio sarà introdotto nelle nostre guide turistiche e promosso dai nostri stessi ristoranti».
Luigi Valentini, preside dell'istituto alberghiero Di Poppa ha invece evidenziato che «la nostra scuola collaborerà nello studio e la preparazione di questo piatto che il comune di Silvi sta organizzando e veicolando in ogni minimo dettaglio; certamente sarà un ottimo veicolo turistico enogastronomico».
Il programma prevede nei prossimi giorni un convegno dal titolo “Il prodotto ittico locale veicolo turistico-culturale in Europa. Autenticità ed identità nel turismo” che si terrà venerdì, ore 18, presso l'Hotel Hermitage, con la collaborazione dell'Associazione Europeo delle Scuole Alberghiere e del Turismo”, mentre sabato, alle ore 13, presso il ristorante Costa Verde, ci sarà un incontro utile per la descrizione del prodotto ittico e un cooking show con i giovani cuochi dell'Istituto alberghiero “Di Poppa” di Teramo.
La promozione e la valorizzazione del progetto si svilupperà in una serie di iniziative per tutto il mese di luglio attraverso esposizioni, degustazioni di prodotti ittici e gare di cucina nella preparazione del “Brodetto marinaresco alla silvarola”.
Il 3 e 4 luglio andrà in scena “Cerrano in Festa”, organizzato dall'associazione Fratello Marte, che proporrà sagre del pesce e rievocazioni delle antiche tradizioni marinare; dall'8 al 12 luglio, invece, ci sarà la prima Sagra del Brodetto; il 10 luglio la grande Festa del Mare, un esperimento di Notte Bianca che si svolgerà sulla spiagge coinvolgendo tutti i lidi di Silvi, e nell'occasione saranno create gare di preparazione del brodetto; dal 16 al 19 luglio, infine, nell'undicesima edizione di “Arti e Mestieri a Castel Belfiore”, ci saranno appuntamenti speciali per la riproposizione delle antiche arti marittime secondo le tradizioni silvarole più antiche.

03/06/2010 14.58