Rissa in bar, stacca l'orecchio a morsi al rivale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2289

ELICE. Uno scontro alla Tyson e Holyfield, quando il pugile più famoso del mondo prese a morsi l'orecchio del suo rivale.


Solo che questa volta lo scontro tra due 'avversari', con tanto di orecchio mozzato, non è avvenuto su un campo di box ma in un bar.
E il protagonista non è nemmeno il re dei guantoni ma un 53enne pregiudicato, Ciro Galasso, residente a Montesilvano, esponente di spicco, lo definiscono gli inquirenti della micro criminalità locale.
Galasso è stato arrestato dai carabinieri in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip presso il Tribunale di Pescara.
L'uomo è accusato di rissa aggravata e lesioni personali gravissime.
L'episodio è avvenuto il 15 maggio nel Bar del 'Tio' di Elice ma la notizia è stata resa nota solo oggi.
Dopo una discussione con la barista per il pagamento del caffè l'uomo ha aggredito A.D., mordendogli un orecchio e provocando l'amputazione parziale del padiglione auricolare.
Alla rissa ha partecipato anche il figlio di Galasso.
I tre sono stati subito rintracciati e denunciati dai carabinieri della compagnia di Montesilvano e ora i militari di Penne e Montesilvano hanno eseguito l'arresto di Galasso.
A Montesilvano, invece, i carabinieri hanno arrestato Nicola Di Rocco, di 54 anni, che deve scontare due mesi per furto aggravato, e Alvaro Comignani, di 63 anni, che deve scontare 5 mesi di reclusione per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
In carcere anche Giovinella Spinelli, di 44 anni.
Era agli arresti domiciliari per scontare una pena di sei anni per furto ma e' stata trovata fuori casa e ha fornito un nome falso per cui l'Ufficio di sorveglianza ha disposto la detenzione in carcere.

03/06/2010 13.37