Comune Lanciano abbatte alberi, esposto Wwf per salvare nidi e uova

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1106

LANCIANO. Sono iniziati ieri gli abbattimenti dei pini di viale Marconi a Lanciano.

Una operazione già annunciata dall'amministrazione comunale per risolvere definitivamente i danni provocati dalle radici superficiali degli alberi al manto stradale.
L'associazione Wwf Zona Frentana e Costa Teatina, a seguito di diverse segnalazioni di cittadini ha inviato immediatamente una comunicazione al sindaco di Lanciano ed un esposto al Corpo Forestale dello Stato affinché si sospenda da subito il taglio degli alberi.
In questo periodo, infatti, spiegano dall'associazione ambientalista, molti uccelli nidificano proprio sulle chiome degli alberi di viale Marconi e quindi è facilmente immaginabile a quale destino vadano incontro uova e piccoli nati.
«La legge 157/92 sulla protezione della fauna selvatica omeoterma, all'articolo 21, lettera O e all'articolo 31, prevede pesanti sanzioni per la distruzione di uova e nidi», spiega Ines Palena, presidente Wwf.
«E' altresì vietato disturbare deliberatamente le specie protette di uccelli a seguito della recente approvazione della Legge Comunitaria 2009.
E' incredibile come gli uffici preposti possano consentire atti così sconsiderati, per di più in violazione della normativa vigente. E' anche difficile credere che chi svolge queste attività non sappia che in questo periodo non sono consentiti né potature né abbattimenti di alberi».
Quello che sta accadendo, secondo l'associazione ambientalista, sarebbe anche la conseguenza della mancata approvazione di un Piano Comunale del Verde, «un vero e proprio Piano Regolatore del Verde abbia come obiettivo non solo una seria programmazione degli interventi di manutenzione delle poche aree già esistenti ma che tuteli il Verde come elemento qualificante del contesto urbano e come fattore di miglioramento della qualità della vita dei cittadini».
Il WWF chiede all' amministrazione comunale «una giusta compensazione ambientale per il danno provocato dal taglio dei maestosi alberi di Viale Marconi procedendo ad una doverosa ricollocazione di alberi in tutte le aree alberate della città nei punti dove mancano esemplari mai rimpiazzati».
Si chiede inoltre di conoscere quali e quanti alberi andranno a sostituire i pini di Viale Marconi e i tempi necessari per la realizzazione del progetto di nuova piantumazione.
01/06/10 9.33

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK