Decreti ingiuntivi poliziotti, Tar respinge ricorso del Ministero

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1123

PESCARA. E' soddisfatta la segreteria provinciale del Sap che nei mesi scorsi si era fatta promotrice (con gli avvocati Fortuna e Lauria del foro di Teramo) di un ricorso di alcuni agenti per pagamenti di straordinari non ancora ricevuti.


Il 12 maggio scorso il Tar per l'Abruzzo (Sezione di Pescara) ha, infatti, rigettato l'opposizione del Ministero dell'Interno ai decreti ingiuntivi per la retribuzione del lavoro straordinario mai pagato fino ad ora.
«Le inutili e richiamate sentenze in sede di opposizioni dall'Avvocatura di Stato», spiegano dal Sap, «sono risultate alquanto diverse dalla fattispecie e non puntuali per sostenere l'azione».
I decreti ingiuntivi, emessi nel novembre del 2009, hanno rappresentato per il Sap «un importantissimo risultato» in quanto hanno costituito un precedente per la tutela della legittima retribuzione dei poliziotti, ai quali, con l'ultima manovra finanziare è stato bloccato il rinnovo del loro contratto per quattro anni: un contratto già scaduto dal 31 dicembre 2007.
«Tutta questa serie di tagli previsti nella manovra finanziaria», continuano dalla segreteria provinciale, «non rappresenterà un'effettiva lotta agli sprechi, ma determinerà unicamente una minore capacità operativa delle Amministrazioni del Comparto Sicurezza e quindi un minor livello di sicurezza per i cittadini, nonostante il massimo impegno degli operatori».
Ma il fatto che lascia l'amaro in bocca ai poliziotti è che l'amministrazione pubblica abbia preferito opporsi alla legittimazione del pagamento di ore di straordinario, obbligati per legge a quelle prestazioni lavorative, per poi vedersi respingere un ricorso le cui spese per lo stesso giudizio seguiranno la soccombenza: ovvero per non aver voluto pagare, per esempio, 1.605,80 euro
al poliziotto ricorrente, lo Stato dovremo pagare oltre a quanto dovuto, più di 3.000 euro per onorario di avvocati stante la soccombenza del Ministero dell'Interno.

31/05/2010 12.42