Chiodi:«così cambierà l’ospedale di Popoli»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3577

POPOLI. L’ospedale di Popoli non chiuderà ma si trasformerà. Sarà soggetto dunque ad una “ristrutturazione” funzionale profonda come del resto accadrà agli altri presidi ospedalieri della regione.


E' quanto ha confermato ieri il presidnete della Regione, Gianni Chiodi, chiarendo che i tre presidi ospedalieri di Pescara, Penne e Popoli, saranno riorganizzati anche tenendo conto di livelli di intensità di cura diversi.
Per l'ospedale di Popoli vi dovrebbe essere una concentrazione di tutte le prestazioni in regime di ricovero in due grandi aree funzionali omogenee (AFO) di Medicina e Chirurgia che, «senza far perdere attività specialistiche di base, permetterà l'utilizzo ottimale delle risorse mediche ed infermieristiche (in sintesi: più specialisti che lavorano in una grande area)».
Ieri l'incontro organizzato dal gruppo Pdl alla Regione riguardante il futuro dell'Ospedale locale, svoltosi presso l'hotel “Le Sorgenti” di Popoli, con una sala gremita.
Chiodi - nell'intervento durato circa un'ora - ha inteso rassicurare la popolazione sottolineando che «all'interno delle due grandi aree suddette sarà data particolare evidenza aziendale alla Nefrologia ed alla Endoscopia Digestiva per le elevate professionalità già esistenti».
«L'attuale Rianimazione», ha continuato, «diventerà un centro risvegli con 16 (sedici) posti letto per pazienti comatosi, di rilievo regionale e nazionale. E sarà affiancato da un altro reparto per cerebrolesi e patologie riabilitative acute insieme ad una Fiosiopatologia Riabilitativa Cardiorespiratoria. Tutti i servizi Diagnostici (radiologia, centro trasfusionale, laboratorio analisi, anatomia patologica)», ha concluso Chiodi «insieme al Day Surgery e al Week Surgery, saranno ottimizzati nell'ambito provinciale e serviranno oltre che l'Ospedale anche il territorio della Val Pescara (Ospedale di San Valentino, RSA di Tocco, D.S.B. di Scafa, ecc.)».
All'evento - oltre a Claudio D'Amario, direttore generale della Asl di Pescara – erano presenti, tra i tanti: il Presidente del Consiglio regionale dell'Abruzzo, Nazario Pagano; la presidente della Commissione 'Affari sociali e politiche della salute' del Consiglio regionale, Nicoletta Veri; il Presidente della provincia di Pescara, Guerino Testa; il presidente provinciale Pdl Lorenzo Sospiri e l'assessore provinciale alla sanità, Mario Lattanzio; i consiglieri regionali Alessandra Petri, Federica Chiavaroli e Ricardo Chiavaroli.
29/05/2010 11.49