Provincia-Tercas: accordo per l’anticipazione della Cigs

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1739

TERAMO. Il Presidente, Valter Catarra, e il direttore generale della Tercas, Antonio Di Matteo, hanno sottoscritto questa mattina, nella sede dell’ente, la convenzione per l’anticipazione della cassa integrazione straordinaria (anche quella in deroga) ai lavoratori delle aziende in stato di crisi.



Alla firma era presente anche l'assessore al Lavoro, Eva Guardiani.
Quella con la Tercas, che funge anche da tesoreria per l'operazione, è la prima di una serie di convenzioni che la Provincia si appresta a firmare con le banche locali coinvolte nell'iniziativa.
Lo scopo è quello di abbattere i tempi di effettiva erogazione delle indennità da parte dell'Inps.
Di regola, infatti, trascorrono diversi mesi prima che i lavoratori possano percepire le somme loro spettanti. Per avviare l'operazione, la Provincia ha stanziato in questa prima fase 100 mila euro. In questo modo si riescono ad annullare gli interessi passivi a carico dei lavoratori.
Destinatari dell'anticipazione sono i lavoratori delle aziende, aventi sede legale o unita produttiva in provincia, che siano titolari del trattamento integrativo. Nei casi di Cigs in deroga, potranno beneficiare dell'anticipazione soltanto i lavoratori che risultino sospesi a zero ore e per almeno otto settimane.
Per poterne fruire, i lavoratori devono presentare alle banche aderenti la domanda (scaricabile dalla home page del sito della Provincia o dai siti degli istituti di credito coinvolti) corredata della relativa documentazione richiesta.
Quello sottoscritto questa mattina con la Tercas è, come ha spiegato il Presidente Catarra, un protocollo aperto a tutti gli istituti di credito, anche quelli non aventi sede legale in provincia. L'accordo, inoltre, scade il 31 maggio 2012 ma può essere prorogato.


«Siamo soddisfatti sia perché si trattava di un provvedimento molto atteso da lavoratori e sindacati – ha commentato il Presidente, Valter Catarra – sia perchè, nella nostra provincia, un'operazione del genere si attua per la prima volta. Non è certo la soluzione migliore ai mali della nostra economia, ma di sicuro risolve un problema non di poco conto per tanti lavoratori. Oltre ai benefici dell'anticipazione, che consentirà ai fruitori di ottenere subito il trattamento integrativo, c'è da sottolineare il fatto che l'intera operazione avverrà in via telematica consentendo di risparmiare tempo e di avere un controllo continuo delle varie fasi».
«Considerando la situazione attuale – ha aggiunto l'assessore al Lavoro Eva Guardiani – il protocollo può dare una mano a tanti lavoratori e alle loro famiglie che attendevano da tempo, con le difficoltà che possiamo immaginare, questo provvedimento. Ci auguriamo per il futuro che il ricorso agli ammortizzatori sociali sia sempre meno necessario».
Soddisfazione è stata espressa anche dal direttore generale della Tercas Di Matteo, il quale ha sottolineato il fatto che «l'operatività di questo strumento, che in provincia di Teramo viene attuato prima che in altre province, è il frutto di una serie di incontri che hanno coinvolto anche le altre banche locali. Per superare la crisi – ha aggiunto – è necessario fare sistema».

27/05/2010 18.35