Voragine via di Sotto, da 9 mesi senza soluzione

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1246

PESCARA. Situazione degradante e al limite della percorribilità in via Di Sotto. Il consigliere Blasioli chiede l'intervento del Comune.

In via di Sotto, in prossimità del parcheggio Conad, si è creato un vero e proprio cratere, assai pericoloso per chi transita sul marciapiede.
Il 6 settembre 2009 a seguito di un forte acquazzone, il nuovo collettore si è rotto e l'asfalto ha ceduto.
La strada fu subito pulita dai detriti e transennata con la rassicurazione che sarebbero tempestivamente partiti i lavori di manutenzione.
Sono passati otto mesi ma da quel giorno ad oggi nulla è cambiato.
«Il problema»; spiega il consigliere del Pd, Antonio Blasioli, «pare sia dovuta alla presenza di una cosiddetta "vasca di calma", in calcestruzzo, che serve per dissipare l'energia dell'acqua proveniente da monte».
Su questa vasca, realizzata dalla GMG e costituita da setti in calcestruzzo a tutta altezza, si innesta il collettore realizzato dal Comune di Pescara.
Ma proprio il fatto che i setti siano a tutta altezza non consente una "via di fuga" all'acqua e quindi, in caso di piogge intense, la vasca va in crisi. Esattamente come avvenuto il 6 settembre 2009, provocando la creazione di questa grossa voragine.
«In questi giorni», continua Blasioli, «il Comune pare che provvederà a riasfaltare nuovamente il tratto di marciapiede, dopo le nostre sollecitazioni avanzate con missive e denunce sui quotidiani locali, senza però intervenire sulla problematica in maniera definitivamente risolutiva». Così oggi il consigliere chiede all'assessore competente di chi sia la competenza a risolvere il problema, tra Comune di Pescara e GMG; in quale stato si trova il contenzioso tra questi due soggetti e se ci sono state diffide inviate dall'ente per risolvere il problema, nel qual caso se ne chiede copia, come si chiede copia delle risposte della GMG. «Per quali motivi», aggiunge l'esponente del Pd, «a distanza di mesi, non si è trovata una soluzione definitiva al problema? Quale è tecnicamente la soluzione che può risolvere definitivamente questo problema?»

14/05/2010 14.17