Inchiesta Ciclone, chiesti 34 rinvii a giudizio. Chiulli chiede patteggiamento

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3590

Inchiesta Ciclone, chiesti 34 rinvii a giudizio. Chiulli chiede patteggiamento
PESCARA. Dopo mesi di rinvii e difetti di notifica entra nel vivo l' udienza preliminare relativa all'inchiesta 'Ciclone' su presunte tangenti negli appalti pubblici che nel 2006 portò all'arresto dell'ex sindaco di Montesilvano Enzo Cantagallo, di assessori e dirigenti comunali, e imprenditori. (nella foto il pm Gennaro Varone)
Il pm Gennaro Varone nella sua requisitoria ha chiesto il rinvio a giudizio per 34 imputati.
Un altro imputato Bruno Chiulli, titolare della Green Servic, ha chiesto di patteggiare, mentre Franco Falcone, ha chiesto di poter essere giudicato con il rito abbreviato.
I due sono accusati di corruzione.
Nella sua requisitoria il pm ha chiesto per Chiulli il proscioglimento dall'accusa di associazione per delinquere per non aver commesso il fatto.
Nel corso della prossima udienza, che si terra' il 21 maggio, alle 9.30, e' prevista la replica della difesa.
La vicenda conta 36 imputati che devono rispondere, a vario titolo, di reati che vanno dall'associazione per delinquere finalizzata alla corruzione all'abuso di ufficio.
Secondo l'accusa a Montesilvano era stato innescato un meccanismo per l'elusione del contributo dei costi di costruzione.
Con la modifica di un passaggio del regolamento comunale (modifica avvenuta in consiglio comunale) le società venivano «apparentemente giustificate a non pagare queste somme e le opere da realizzare venivano chiaramente gonfiate».
L'inchiesta ha dunque evidenziato con forza la connivenza tra politica e mondo imprenditoriale del mattone che sarebbe stato fortemente avvantaggiato da questi amministratori che si sarebbero nel frattempo arricchiti con le tangenti.
Più cubatura, più guadagni, più mazzette, più cemento in città.
Oltre a Cantagallo tra i principali indagati, coinvolti nei vari filoni d'inchiesta, l'ex assessore Paolo Di Blasio, l'ex dirigente dell'ufficio urbanistica, Rolando Canale, l'ex capo di gabinetto, Lamberto Di Pentima, l'ex vice sindaco Marco Savini, gli ex assessori Attilio Vallescura, Guglielmo Di Febo, Cristiano Tomei, l'ex sindaco, Renzo Gallerati, e l'ex dirigente ai lavori pubblici, Vincenzo Cirone, gli imprenditori Duilio e Gianni Ferretti, Bruno Chiulli, Giuseppe Di Pietro, Ennio Chiavaroli e Vladimiro Lotorio, e un ex componente della squadra mobile,Salvatore Colangelo.

14/05/10 12.31

[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/news2/article.php?storyid=186]* TUTTO SULL'INCHIESTA CICLONE[/url]

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK