Pedo pornografia on line, l'inchiesta cremonese va avanti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2022

CREMONA. Va avanti l'inchiesta sulla pedo pornografiaa on line condotta dalla Procura della repubblica di Cremona che nei giorni scorsi ha portato all'arresto dell'ex assessore di Alba Adriatica Giorgio Morganti.


E' ancora in carcere Morganti, l'ex assessore della giunta Caserta, arrestato con l'accusa di detenzione di materiale pedo pornografico.
Durante l'interrogatorio l'uomo avrebbe ammesso di essersi collegato ai siti sotto accusa, ma di non averne mai condiviso il contenuto con altri.
Sul pc dell'uomo sarebbero stati sequestrati migliaia di file. Intanto l'indagine non è chiusa e si va avanti.
Sono al momento 19 gli indagati, di cui tre arrestati, e 16 le persone denunciate.
Nove le regioni interessate, 17 le province, dove sono state effettuate 19 perquisizioni. Gli arrestati sono tutti uomini di età e professioni varie, alcuni recidivi nei cui confronti verranno contestate le aggravanti.
Tre persone sono state arrestate in flagranza di reato. Gli arresti sono scattati, oltre che nella provincia di Teramo, dove è stato arrestato l' ex assessore, anche in quelle di Napoli e Belluno. L'inchiesta è partita dalla denuncia di una donna cremonese che sul suo computer ha trovato un file dentro il quale c'erano oltre 1.300 immagini pedopornografiche raccapriccianti.
Ha sporto denuncia.
Gli agenti hanno agito sotto copertura fingendosi internauti.
La svolta è giunta al termine di una raccolta di elementi partita nel 2007 e condotta dalla sezione di Cremona dalla polizia postale, che ha azzerato un vasto scambio di materiale attraverso il file sharing.
Ingenti le quantità di materiale pedo pornograficoo sequestrate: 115mila immagini, 1.400 video, 24 pc, 53 hard disk e 1.600 tra dvd e cd rom. Secondo quanto riferito dalla polizia postale, nel 2009, per quanto riguarda il reato di pedofilia, gli arresti sono stati 53, 1.186 le denunce, 1.224 le perquisizioni, 2.133 le querele sporte e quasi 27mila i siti web monitorati.

14/05/2010 10.16