Tirocini formativi della Provincia a 3 euro l’ora: ecco la spesa ed i risultati

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5493

PESCARA. Tirocini formativi della Provincia di Pescara a 3 euro a l'ora, una consuetudine che si ripete e si perpetua. Sul caso però è piombato il silenzio della Provincia mentre ha rivendicato i propri meriti per l’operato l'ex assessore Castricone che ha parlato di «uno strumento utile per incrociare domanda e offerta di lavoro».

PESCARA. Tirocini formativi della Provincia di Pescara a 3 euro a l'ora, una consuetudine che si ripete e si perpetua. Sul caso però è piombato il silenzio della Provincia mentre ha rivendicato i propri meriti per l'operato l'ex assessore Castricone che ha parlato di «uno strumento utile per incrociare domanda e offerta di lavoro».Ha anche detto che bisogna stare attenti ad attuarli nel modo giusto ma sembra che la questione non interessi poi tanto.
Oggi però interviene Luigi Rischitelli, funzionario nel Settore Lavoro della Provincia di Pescara, che fa due calcoli e si chiede a chi convenga realmente questa sorta di promozione del precariato legalizzata.
Cosa accade dopo aver svolto i tirocini 'da fame'?
«Fra il 2007 e il 2008», dice il dipendente, «la Provincia di Pescara ha speso € 596.490,00 e promosso l'attivazione di 193 tirocini».
Come sono andati a finire?
«Si sono concretizzati 38 contratti, di cui 13 a tempo indeterminato, 12 a tempo determinato, 6 di apprendistato, 6 co.co.pro. ed una collaborazione occasionale».
Percentuale insoddisfacente, secondo Rischitelli che si domanda retoricamente se un co.co.pro. o un tempo determinato possano intendersi come un contratto di lavoro stabile. Ovviamente la risposta è no.
Ma non solo, continua il funzionario, «alcune fra le assunzioni a tempo indeterminato sono state effettuate da associazioni di categoria o società a partecipazione pubblica già orientate ad assumere, che hanno sfruttato l'occasione dei tirocini (niente di irregolare, sia chiaro, ma neanche niente di riconducibile al mirabile operato della Provincia), oppure nel caso dei contratti di apprendistato sono stati attivati dalle aziende che solitamente vi fanno ricorso (quindi niente di che)».
Ma secondo Rischitelli l'ex assessore Castricone avrebbe commesso anche una «clamorosa inesattezza» distinguendo fra ''tirocini finanziati'' e ''tirocini regolati dalla legge nazionale'': «nei primi», spiega il funzionario, «il rimborso spese è pagato dalla Provincia che pone delle timidissime, e direi inutili, limitazioni. Durante il suo mandato da assessore sui tirocini non si è fatto un bel nulla se non “fuffa” burocratica che non ha scoraggiato proprio nessuno, tantomeno un colosso della grande distribuzione che fa ricorso ai tirocini in maniera impropria (ma non è l'unico caso), poiché la provincia lo permette».
«In qualità di funzionario del settore lavoro», ricorda ancora Rischitelli, «avevo, insieme ad alcuni colleghi, predisposto uno schema di regolamento che disciplinava i tirocini ed induceva le aziende ad assumere, almeno in parte, i tirocinanti. Non avevamo inventato nulla avevamo solamente “copiato” l'esperienza della provincia di Terni. Tutto quanto è stato glissato dall'ex assessore Castricone, nelle riunioni della Commissione provinciale tripartita e in tutte le altre occasioni, nel silenzio dei sindacati e delle associazioni delle aziende, eccependo artificiose ragioni di opportunità o legittimità. Chiacchiere. Restano le ragazze impegnate in cassa a € 300,00 euro al mese».
Rischitelli ricorda anche un tragico episodio di alcuni anni fa. Un lavoratore impegnato in un tirocinio formativo è morto in uno stabilimento del polo chimico di Bussi sul Tirino mentre puliva un silos dalle incrostazioni di sale accumulatesi al suo interno: «chissà se quel fatto è stato sufficientemente indagato?»
La storia come detto continua, pochi giorni fa la firma dei nuovi contratti a condizioni invariate e non si registra nemmeno la solita dichiarazione tranquillizzante dei vertici politici del tipo:«promettiamo solennemente di fare più attenzione la prossima volta».

06/05/2010 9.03

[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=26317]* TIROCINI FORMATIVI DELLA PROVINCIA DI PESCARA A 3 EURO ALL'ORA[/url]

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK